Katie Zelem, capitano del Manchester United Women, ha difeso il club dopo l’attacco dei giorni scorsi di Megan Rapinoe.

La calciatrice americana, parlando degli scarsi investimenti che vengono fatti nel calcio femminile, aveva definito “vergognoso” il fatto che lo United abbia creato solo due anni fa il team femminile.

“Ognuno ha il diritto di esprimere la propria opinione, – ha detto Zelem – ma è sotto gli occhi di tutti come la squadra sta andando bene in questo momento. Siamo in testa alla classifica e questo supera anche le nostre stesse aspettative”.

L’ex calciatrice della Juventus ha poi aggiunto. “Il Manchester United ha una strategie e dei piani ben precisi. La promozione lo scorso anno e alla nostra seconda stagione siamo in cima. Speriamo che il Manchester United un giorno possa essere al vertice anche in Europa”

Il Manchester United ha ottenuto nel 2018 la licenza per disputare il campionato di secondo livello e in un anno ha ottenuto la promozione nella Women’s Super League. Dopo il quarto posto dello scorso, ora le Red Devils sono al comando della classifica con sedici punti in sei partite, frutto di cinque vittorie e un pareggio.

In precedenza il club inglese aveva una sezione femminile ma nel 2005, a seguito dell’acquisizione da parte della famiglia Glazer del club, fu deciso di non investire sul calcio femminile.

Le cose sono ora cambiate e la formazione femminile si candida a ricoprire un ruolo di primo piano del panorama calcistico nazionale.

Quest’anno sono approdate nel Manchester United le due campionesse del mondo, e compagne di squadra in nazionale di Rapinoe, Tobin Heath e Christen Press, portando qualità ed esperienza a un gruppo formato da diverse calciatrici giovani.

Tante giocatrici americane hanno scelto l’Europa per poter giocare con continuità in vista dell’appuntamento olimpico della prossima estate. ìMegan Rapinoe invece ha deciso non solo di restare negli Stati Uniti, ma anche di non prendere parte alla NWSL Challenge Cup estiva e alla NWSL Fall Series.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *