Lo Sporting Lisbona vince di misura il primo derby femminile contro il Benfica davanti ad oltre 15 mila spettatori

Dopo i record di spettatori in Spagna al Wanda Metropolitano e in Italia all’Allianz Stadium, sabato 30 marzo è stato il turno del Portogallo.

All’Estadio do Restelo è andato in scena il primo derby femminile tra Sporting Lisbona e Benfica davanti a 15.204 spettatori, tra cui il presidente della repubblica Marcelo Rebelo de Sousa.

È stato così battuto il precedente record di 12.213 spettatori, che risaliva alla finale della coppa portoghese 2017 vinta dallo Sporting Lisbona sullo Sporting de Braga.

Con il risultato di 1-0 è stato lo Sporting ad aggiudicarsi questo primo storico derby. A segnare l’unica rete è stata Joana Marchão, con un rigore al minuto 86.

Fino ad ora le due squadre non si erano mai affrontate in quanto militano in campionati differenti.

Lo Sporting Lisbona gioca nella prima divisione portoghese ed è campione in carica da due stagioni consecutive.

Il Benfica invece, nato nel dicembre 2017, sta letteralmente dominando il campionato di seconda divisione con 16 vittorie in altrettante gare, 273 gol fatti e 0 subiti.

Anche nel paese iberico il calcio femminile sta crescendo molto e l’ingresso di una squadra come il Benfica contribuisce ad aumentare l’attenzione dei media.

Con un possibile duello per il titolo tra i due club della capitale, si può già ipotizzare che il record di pubblico appena stabilito non sia destinato a resistere a lungo.

In attesa di vedere le due squadre lottare per il campionato, questa amichevole è stata organizzata per una nobile causa.

Infatti il denaro raccolto dalla vendita dei biglietti sarà devoluto alla Croce Rossa e sarà destinato agli aiuti umanitari in Mozambico, colpito dal ciclone Idai.

La passione per il calcio femminile sta invadendo l’Europa e l’onda di pubblico parte dai paesi latini, Spagna, Italia e Portogallo, (dove questo sport è meno sviluppato) per contagiare il resto del continente.

Prossima settimana sarà la volta della Francia con Lione-PSG mentre a maggio, per Arsenal – ManCity, il sogno si chiama Emirates Stadium.

Martina Pozzoli