Le due nazionali, entrambe nella top 10 del ranking FIFA, si annullano a vicenda nell’ultima amichevole prima del Mondiale

Alla Benteler-Arena di Paderborn, martedì scorso, Germania e Giappone si sono sfidate in una gara che potrebbe tranquillamente essere una semifinale mondiale o addirittura una finale, vista la posizione che entrambe le squadre occupano nel ranking FIFA (rispettivamente seconda e settima).

La partita si è conclusa 2-2 e ha visto protagonisti, soprattutto in negativo, i due portieri. Il Giappone, infatti, chiude il tempo in vantaggio 0-1 grazie alla rete di Yui Hasegawa (35’), che sfrutta un passaggio sbagliato di Almuth Schult, portiere del Wolfsburg.

Passano solo 8 minuti dall’inizio della ripresa e le padrone di casa trovano il pareggio con Alexandra Popp. Al 69’ le Nadeshiko si portano sull’1-2, approfittando di un altro errore con i piedi di Schult, grazie alla rete di Kumi Yokoyama.

Il vantaggio nipponico, però, dura appena 3 minuti: è Svenja Huth (premiata come giocatrice nazionale dell’anno 2018 prima del fischio d’inizio) a siglare il gol del definitivo 2-2, dopo una mancata presa aerea dell’estremo difensore giapponese Chika Hirao.

Alla Germania, dunque, non bastano il gran numero di tiri (22, di cui 9 nello specchio) e un maggiore possesso palla (55%) per portare a casa il risultato.

Per entrambe le nazionali, questa è stata l’ultima amichevole di preparazione al mondiale. In Francia, la Germania esordirà a Rennes l’8 giugno contro la Cina, mentre il Giappone nella gara d’esordio il 10 giugno affronterà l’Argentina a Parigi.

Martina Pozzoli