Svolta storica per il calcio femminile spagnolo inaugurata dal Barcellona FC. Il celebre centro sportivo residenziale “La Masia”, fulcro del settore giovanile del club catalano, ha registrato per la prima volta l’iscrizione di nove calciatrici. Si tratta di una decisione catartica per il programma calcistico blaugrana che mette dunque a disposizione le sue risorse innovative anche per la squadra femminile.

L’idea alla base del complesso residenziale è insolita per il sistema sportivo europeo ma fortemente innovativa per la formazione di una cultura dello sport. Fin dal 1979, l’imponente struttura ha infatti ospitato le migliori promesse del calcio e non solo targato Barcellona. L’impianto è stato poi rinnovato nel 2011, rimanendo a pochi chilometri di distanza dal Camp Nou e ospitando sia i campi di allenamento della squadra principale sia appunto quelli degli atleti della Masia.

Al centro sportivo alla base del reclutamento del Barcellona hanno vissuto alcuni dei più grandi nome del calcio mondiale, da Lionel Messi ad Andres Iniesta.

L’organizzazione del programma della struttura replica il modello dei college statunitensi. Lo sviluppo del talento sportivo viene innestato nella quotidianità dell’atleta, accanto all’istruzione e alle attività ricreative. Un team di allenatori, medici, tutor e cuochi sono a disposizione dei residenti del complesso mentre si coltiva un’autentica filosofia sportiva nell’educazione delle giovani promesse.

A partire da quest’anno quindi, il Barcellona ha ufficialmente aperto le porte della Masia anche allo sviluppo del calcio femminile, accogliendo nove giovani calciatrici che andranno ad alimentare il vivaio della squadra Campione di Spagna e d’Europa. Proprio lo straordinario successo del Barcellona femminile è alle spalle della storia decisione di rendere la Masia un centro sportivo “misto” per quanto riguarda il calcio.

Le nove giocatrici che quest’anno vivranno e si alleneranno al centro sono: Alba Caño, Berta Doltrafill, Clàudia Riumalló, Judit Pujols, Laura Coronado, Lucía Corrales, Martina Fernández, Ona Baradad e Meritxell Font.

Il presidente della struttura Joan Laporta ha elogiato la decisione del club di far evolvere il programma, confermando in questo la Masia come “punto di riferimento sportivo e accademico che attesta lo spirito innovatore del club anche in campo sociale”.

Ad oggi il totale degli atleti ospitati dalla Masia è di 106. Il centro sportivo si propone ancora una volta come simbolo di integrazione e uguaglianza nel mondo dello sport. Le nove calciatrici che dunque entreranno a far parte del programma condurranno di pari passo la vita scolastica e quella sportiva, mirando a una formazione completa.

Si tratta di un ulteriore passo compiuto dal club catalano per l’affermazione di uguaglianza di genere nel calcio.