Si è risolta per fortuna la situazione della Nazionale italiana di calcio femminile bloccata in Portogallo.

La FIGC si è attivata già da ieri sera con il Presidente Gabriele Gravina, costantemente in contatto col Ministro per lo Sport Vincenco Spadafora e il suo capo di gabinetto Giovanni Panebianco, e garantendo un presidio notturno in sede per riprogrammare il rientro a casa delle Azzurre, a seguito dell’innalzamento del livello dell’attenzione e delle mutate condizioni internazionali riguardo l’emergenza Covid-19.

La CT Milena Bertolini, prima di imbarcarsi sul volo charter in partenza da Faro ha scritto su Instagram: “Dispiace non giocare la finale, le ragazze hanno disputato un buon torneo ed erano pronte a confrontarsi con la forte Germania per mettersi alla prova e capire a che punto siamo nel nostro percorso di crescita; dispiace per tutti i nostri tifosi/tifose che sentiamo sempre molto vicini, ma il rischio di non rientrare in Italia e stare con i nostri affetti era troppo elevato.
Ritorniamo con la consapevolezza che il movimento calcistico femminile italiano sta crescendo grazie al lavoro di squadra di Federazione e di Club”.

Le Azzurre partite da Faro, hanno effettuato uno scalo a Palma de Mallorca in Spagna, per poi ripartite per Torino e Roma.