Cinque giovani calciatrici di cinque squadre diverse che hanno espresso il loro talento nella Viareggio Cup

Viareggio ha ospitato la seconda edizione al femminile della manifestazione più famosa riservata alla categoria Under 19. La Juventus ha conquistato l’ambito trofeo, con il risultato di 3-2 nella finale contro la Roma. Nel corso del torneo si sono messe in luce alcuni dei talenti più luminosi del calcio italiano giovanile, già protagoniste con le selezioni Azzurre minori. Tra queste, abbiamo scelto cinque prospetti da tener d’occhio in futuro

SERENA LANDA – Roma (in prestito dalla Roma CF), classe 2001

Serena Landa, con quattro gol segnati in cinque partite, è stata eletta capocannoniere della manifestazione. L’attaccante lombarda, di proprietà della Roma Calcio Femminile, club di Serie B, è stata aggregata in prestito alla rosa della Roma, A.S., per il torneo di Viareggio. Landa si è integrata ottimamente nello scacchiere diretto da coach Fabio Melillo. La sua fisicità e doti atletiche sono state fondamentali nel gioco verticale delle giallorosse. Tra i suoi estimatori troviamo Enrico Sbardella, selezionatore della Nazionale Under 19 di cui Landa fa parte.

ALICE BERTI – Juventus, classe 2003

Dopo aver concluso il torneo alle spalle di Landa nella classifica marcatrici, Alice Berti si è “consolata” con il premio di miglior calciatrice. Cresciuta nel settore giovanile dell’Inter, in estate Berti è passata sotto la Mole. Mancina, fa dell’esplosività il suo punto di forza, oltre ad ottimo fiuto del gol. E’ il punto fermo dell’attacco bianconero e della Nazionale Under 17 guidata da Nazzarena Grilli.

MATILDE PAVAN – Inter, classe 2004

Per un attaccante che lascia Milano, un’altra occupa il suo posto. Stiamo parlando di Matilde Pavan, approdata alla corte di Sebastian de la Fuente ad inizio stagione dall’ Hellas Verona. Rispetto a Landa e Berti, Pavan nasce come centrocampista, anche se con spiccate doti nella metà campo avversaria. L’allenatore neroazzuro la sta impiegando anche nel tridente d’attacco e lei ha ripagato con due reti. Pur giocando sotto età in Under 19, e in Nazionale Under 17, Pavan è stata già aggregata alla Prima Squadra per qualche allenamento.

ALICE PELLINGHELLI – Sassuolo, classe 2003

Nonostante la sua squadra non sia riuscita a conquistare le semifinali, Alice Pellinghelli ha disputato una manifestazione di primo livello, riuscendo anche a mettere il suo nome sul tabellino delle reti. Terzino sinistro, la calciatrice neroverde è stata convocata in Nazionale Under 16 da Jacopo Leandri, suo allenatore anche con la rappresentativa Under 15 dell’Emilia Romagna nel 2017. Nella prima fase di qualificazione all’Europeo Under 17 di Svezia 2020, Pellinghelli è stata utilizzata in tutte e tre le gare per 90′ sulla corsia di sinistra.

AZZURRA CORAZZI – Fiorentina, classe 2001

La mente e gambe del centrocampo fiorentina ha ben delineato nome e cognome: Azzurra Corazzi. La giovane calciatrice ha esordito a 16 anni e 9 mesi in Serie A con la prima squadra Viola contro la Res Roma allora allenata da Fabio Melillo. Nel corso della Viareggio Women’s Cup ha messo in mostra tutte le sue doti tecniche e caratteriali, segnando una rete contro il Sassuolo. Al 78′ ha bloccato con grinta la ripartenza neroazzura per poi superare dalla distanza il portiere avversario con un tiro tanto preciso quanto forte. Fa parte della Nazionale Under 19.

Federica Iannucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *