In occasione della presentazione della partnership tra la Rinascente e l’Inter, L Football ha intervistato Martina Brustia, centrocampista nerazzurra

Le ragazze dell’Inter Women sono state protagoniste ieri a Milano sulla terrazza della Rinascente.

Un evento per presentare la squadra femminile nerazzurra ma anche la partnership tra il club e il department store meneghino.

Nell’accordo di sponsorizzazione con FC Internazionale Milano, Rinascente si qualifica come Official Department Store/Official Women’s Team Partner dove ampio spazio verrà dato al marchio Rinascente, che in particolare spiccherà sulla manica della maglia da gioco delle ragazze nerazzurre.

Per l’occasione abbiamo intervistato Martina Brustia, giocatrice classe 1998 che garantisce corsa e quantità in mezzo al campo. Nonostante la giovane età, a Martina l’Inter ha affidato le chiavi del centrocampo da diverse stagioni. Brustia scende sempre in campo con grande determinazione ed è uno dei punti fermi anche della Nazionale Under 23.

Martina, questa per te e tante tue compagne di squadra sarà la prima esperienza in Serie A. Come ci si sente dopo che per anni avete combattuto per questa promozione?

Sicuramente è un’emozione se non raddoppiata, triplicata! Ormai sono tanti anni che gioco in questa società e vesto questi colori, l’Inter ha davvero puntato tanto su questa promozione quindi siamo veramente felici di esserci riuscite l’anno scorso. Siamo contente e non vediamo l’ora di esordire in questa categoria così importante.

Com’è il clima in squadra e come vi state preparando all’esordio?

Il clima in squadra è molto disteso e sereno, il mister e il club non ci mettono alcuna pressione eccessiva, quindi c’è il sorriso in ogni allenamento e in ogni momento. Puntiamo a fare bene e a fare sempre meglio senza farci mancare il divertimento.

Qual è l’obiettivo dell’Inter in questa stagione e quello tuo personale?

Per quanto riguarda l’obiettivo di squadra non si parla di classifica o di posizioni; si parla di crescere come gruppo. Siamo una squadra molto giovane e puntiamo a migliorare dando sempre il massimo per difendere questi colori. Personalmente spero di crescere tanto e di migliorare partita dopo partita.

Ci sono stati diversi cambiamenti in rosa quest’anno, con tanti arrivi dall’estero. Quali sono le principali differenze con lo scorso anno?

Sicuramente l’arrivo di calciatrici straniere è stata una differenza importante. Sono molto disponibili e si sono adattate subito al nostro paese. Per noi è una sfida integrarle nel nostro gruppo, ma ci stiamo riuscendo bene e sono contenta! Un’altra grande differenza è il numero di allenamenti, quest’anno è raddoppiato ma giustamente è la stessa categoria a richiederlo e noi lo facciamo con felicità.

Apriamo la parentesi mondiali: cosa secondo te è cambiato nel calcio femminile dopo Francia 2019?

È cambiata sicuramente la visibilità: la televisione ha un grande potere ad oggi quindi il mondiale è stato molto seguito in tv e tanta gente conosce e apprezza il calcio femminile, questa differenza è notevole!

Come tante tue colleghe, giochi a calcio e contemporaneamente studi all’università. Riesci a conciliare i due mondi?

Non ti nego che è abbastanza difficile, soprattutto quest’anno che il calcio ci tiene impegnate 24H, però diciamo che si tratta di rinunciare magari a qualche uscita con le amiche o qualche svago in più, e nel tempo libero dedicarsi allo studio. Spero di farcela!

Sofia Crugnola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *