TORRES-ARSENAL FINALE 0-1 (3′ White) [1-4 agg] 

La Torres è fuori dalla Champions. Dopo una gara difficile, e condizionata dalla rete subita dopo soli tre minuti, le ragazze di Manuela Tesse dicono “arrivederci” alla competizione europea. 

Orgoglioso delle sue ragazze, a fine gara, il Presidente Marras si è concesso ai microfoni della Rai: “Le inglesi sono state ciniche e hanno ottimizzato al massimo in entrambe le gare. Noi dobbiamo essere felici della prestazione. Ora – ha proseguito il patron sardo – ci concentreremo sul campionato, dove in ogni caso arriveremo almeno secondi, per riprovarci in Champions il prossimo anno”. 

Nei 180 minuti le inglesi con il 4-1 finale legittimano la loro superiorità. Tuttavia la Torres, nonostante la rete di White al 3’, che ha letteralmente tagliato le gambe, ci ha provato in tutti i modi e nella ripresa è andata più volte vicina al gol.

Va comunque un plauso alla compagine sarda, che purtroppo (come già detto in altri casi) si è trovata a confrontarsi con una formazione di “professioniste”, con tante “straniere” e che partecipa ad una Premier League formata da “8 squadre”. Una società affiliata al team maschile, con tutti i vantaggi che ne scaturiscono. Un modello da seguire quello dell’Arsenal (CLICCA QUI per leggere il nostro approfondimento) per far si che anche i club italiani un giorno possano competere ad armi pari. 

Da segnalare le dichiarazioni di Cosentino (Vice Presidente della LND e Responsabile del neonato Dipartimento) rilasciate ai microfoni della Rai. Dichiarazioni che purtroppo dimostrano una certa lontananza dalla realtà: “La Nazionale sta facendo grandi cose, all’estero è forte”. E che vanno in senso contrario rispetto al modello inglese: “Non ritengo che un campionato d’elite potrebbe risolvere i problemi, sono tutte cose che bisogna studiare”.  

C.
© Riproduzione riservata