La federazione finlandese continua ad investire nel calcio femminile, non solo col nuovo contratto ma anche con investimenti nel campionato nazionale

Il 3 settembre 2019 rappresenta una giornata storica per le ragazze della nazionale finlandese. Nella giornata di martedì, infatti, le calciatrici scandinave hanno firmato un nuovo contratto quadriennale con la federazione finlandese che prevede la parità salariale tra calciatori e calciatrici della nazionale.

“Questa è una dimostrazione del fatto che stiamo investendo nel calcio femminile. Vogliamo essere coinvolti nello sviluppo di una società più responsabile ed equa” ha dichiarato Ari Lahti, presidente della Federcalcio finlandese “Speriamo che il nostro esempio ispirerà anche i media, i partner e i sostenitori a investire nel calcio femminile”.

Il segretario generale, Marco Casagrande, ha affermato che gli investimenti non si limitano al nuovo contratto, ma la federazione intende investire anche nel campionato nazionale: “Vogliamo portare la Naisten Liigan a un livello superiore, continuando il lavoro iniziato sotto la guida di Heidi Pihaja, responsabile dello sviluppo del calcio femminile”.

Il capitano della nazionale femminile, Tinja-Riikka Korpela, vede l’accordo come una pietra miliare per il calcio finlandese: “Ora condividiamo con la squadra maschile non solo sogni e obiettivi comuni, ma anche un contratto che prevede lo stesso stipendio. Per molte di noi questo contratto è importante non solo dal punto di vista economico ma perché è un segno tangibile del fatto che la prima squadra maschile e femminile sono uguali”.

Martina Pozzoli