Sta facendo molto discutere in Australia la mancata convocazione, da parte del CT Ante Milicic, della veterana delle Matildas Lisa De Vanna.

L’allenatore ha sempre dichiarato che le giocatrici per poter far parte della nazionale hanno bisogno di giocare con continuità e avere un certo minutaggio sui campi, possibilmente ad alti livelli.

La giocatrice della Fiorentina quest’anno, nonostante ci troviamo solo a metà stagione in Serie A, ha già raggiunto lo stesso numero di minuti della passata stagione quando giocava nella W-League con il Sydney FC. Inoltre De Vanna ha disputato anche due gare in Women’s Champions League contro l’Arsenal. Inutile ribadire l’alto livello di gioco e l’intensità di una sfida del genere.

Eppure, nonostante questo, Antic non ha inserito De Vanna nella lista delle convocate per il torneo di qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo che si disputerà dal 3 al 9 febbraio.

Un’assenza che non è passata inosservata, anche perchè, Lisa De Vanna è la calciatrice ad aver segnato di più in Nazionale nella classifica di tutti i tempi. La giocatrice viola ha segnato 47 reti in 150 presenze, più di Kate Gill (41) e Sam Kerr (38).

Se a questo aggiungiamo che in attacco sono state convoate Emily Gielnik e Kyah Simon che hanno collezionato meno presenze in campo di De Vanna nel 2019, allora il mistero si infittisce.

Le scelte del CT Milicic non rispecchiano le sue dichiarazioni e i requisiti che lui stesso ha ribadito per far parte delle Matildas.

Forse Milicic non considera la Serie A un campionato di alto livello? Se fosse così allora la bruciante sconfitta della sua squadra a Francia 2019 per mano delle Azzurre non gli è servita come lezione.

Come diceva Nelson Mandela, nella vita, come nel calcio, “non si perde mai, o si vince o si impara”.

Giuseppe Berardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *