Dopo alcune giornate di relativa quiete, la tempesta è tornata ad abbattersi sulla NWSL. In un weekend dal punto di vista meteorologico a volte preoccupante, l’ultimo turno del campionato statunitense ha rivelato risultati eufemisticamente inaspettati.

Il ritorno in formazione delle prime atlete olimpiche ha influito con particolare evidenza sul rendimento delle rispettive squadre. E la corsa alla conquista di un posto nel torneo dei play-off entra ora nel vivo dell’azione, così come potrebbe riaprirsi facilmente anche la battaglia per il primo posto in classifica, necessario per la vittoria dello “Shield” a fine stagione regolamentare.

La vittoria che non ti aspetti: Kansas City NWSL – OL Reign 1-0

Il ritorno di Laura Harvey sulla panchina dell’OL Reign non è andato esattamente secondo i piani. Dopo una striscia positiva e convincente di tre vittorie nette della squadra di Tacoma, in cui l’organico si era distinto particolarmente per eccellenze individuali, la sfida esterna contro il Kansas City appariva in fondo come un ostacolo facilmente superabile.

Ma oltre ogni pronostico o aspettativa, il team del Kansas – che in settimana ha messo a segno un grande colpo di mercato assicurandosi le prestazioni tra i pali di Adrianna Franchagguanta finalmente i primi tre punti in stagione e lo fa imponendosi su una delle formazioni al momento più in forma del campionato.

La partita appare nella prima frazione piuttosto equilibrata, con deboli spunti offensivi da entrambe le parti. Ma un primo segnale negativo incombe sul Reign quando Eugenie Le Sommer, tra le migliori della squadra nell’ultimo mese, esce prematuramente per infortunio. Kristen Hamilton d’altro canto invece sembra aver portato al Kansas la linfa vitale di cui avevano disperatamente bisogno.

Nel secondo tempo, il Kansas sembra crederci con crescente entusiasmo. Le idee non brillano ancora per lucidità e cinismo ma la squadra non molla la presa. E al 73’, dopo la respinta della barriera del Reign su un calcio di punizione ben eseguito, Victoria Pickett recupera il possesso al limite dell’area. La giovane attaccante del Kansas si ritrova praticamente dimenticata dalla difesa avversaria concentrata sul calcio piazzato e con un sinistro neanche troppo potente mette la palla nell’angolino basso. Non perfetti i riflessi di Sarah Bouhaddi che copriva bene proprio il palo di riferimento.

L’ultimo quarto di gara è solo di contenimento. Il Kansas City non si lascia sfuggire la sua prima vittoria in campionato mentre tocca a Laura Harvey ora ricominciare a costruire il percorso del Reign.

Il ritorno di ARod: North Carolina Courage – Chicago Red Stars 1-0

E se il Kansas City agguanta i primi 3 punti della stagione, anche Amy Rodriguez sigla la sua prima rete, che vale la vittoria, con la maglia del North Carolina Courage.

Il gol di Rodriguez permette alla squadra di Paul Riley di accorciare le distanze con la capolista Portland Thorns, ma soprattutto riporta a galla le incertezze difensive del Chicago.

Gli inserimenti di Carson Pickett e i movimenti ipnotizzanti di Debinha rendono il Courage pericoloso fin dalle prime battute. Ma nel tentativo di ripulire l’area da un’offensiva del North Carolina, Kayla Sharples si aiuta eccessivamente con un braccio e il calcio di rigore è legittimo.

Dal dischetto, Amy Rodriguez non è una tiratrice che sbaglia. L’esecuzione è decisa e potente e il conto di ARod con il Courage è ufficialmente aperto.

Nel secondo tempo, la squadra di casa mette a rischio il vantaggio in almeno tre occasioni ma Casey Murphy sigilla la propria porta negando il pareggio a Mallory Pugh e Kealia Watt. Il Courage ora vede la vetta e la rincorsa al Portland riporta in voga la rivalità classica dell’NWSL.

Ashlyn Harris protegge la risalita dell’Orlando [Orlando Pride – Portland Thorns 1-1]

Il buon momento dell’Orlando Pride non è più un caso. Come era stato già notato nella precedente giornata di campionato, l’arrivo di Becky Burleigh sulla panchina dell’Orlando ha rimesso in ordine la squadra. Ma è ancora una volta la presenza monumentale tra i pali del capitano Ashlyn Harris a garantire al team il terzo risultato utile di fila, fermando anche la serie di vittorie del Portland Thorns.

Il Pride inaugura presto le marcature con un’ottima apertura dalle retrovie di Gunnhildur Jonsdottir che trova perfettamente sulla fascia opposta Courtney Petersen. Il cross in area è da manuale e, particolarmente indisturbata, Jodie Taylor può saltare e colpire di testa con precisione.

Le Thorns però non accusano il colpo e raddoppiano gli sforzi offensivi, guidati dalla velocità fulminea di Simone Charley. E proprio al 35’ minuto, Charley tenta un primo colpo di testa deciso e pericoloso in area, superando la copertura della backline. Ma la risposta di Harris è impeccabile. Con elevazione e prontezza di riflessi, Harris scatta in volo per neutralizzare l’immediatezza della battuta di Charley e salva il vantaggio almeno per il primo tempo.

Esiste ad ogni modo un limite di tempo entro il quale l’attaccante del Portland non trova la rete. Dopo una serie di offensive sempre più rischiose delle Thorns infatti, da un classico calcio piazzato di Meghan Klingenberg che impeccabilmente mette in area il pallone, Charley fa valere nuovamente la sua statura e l’abilità nei giochi aerei e questa volta supera Harris sul secondo palo.

Il pareggio è meritato per entrambe le formazioni ma l’Orlando ne trae maggiore beneficio, tornando in zona play-off.

Miglior Gol – Ifeoma Onumonu [NJ/NY Gotham FC – Racing Louisville 1-1]

Un Gotham che appare al momento lievemente indebolito da alcune assenze importanti trova comunque il pareggio contro un rinvigorito Louisville. E lo fa grazie alla rete magistrale di Ifeoma Onumonu, artefice finora di un’ottima stagione.

Dopo un avvio aggressivo di Racing Louisville e il secondo gol consecutivo di Nadia Nadim che aveva messo a frutto con un tap-in il perfetto assist di Ebony Salmon, Gotham prova a reagire.

Quasi tutti i tentativi più pericolosi di Gotham portano proprio la firma di Onumonu mentre è sempre una costante sottovalutata il lavoro incessante e accurato di Allie Long a centrocampo.

Dopo un’ottima costruzione di squadra però, Nahomi Kawasumi serve l’attaccante nigeriana in area, immediatamente braccata dalla difesa di Louisville. Onumonu riesce a girarsi ma deve pensare e agire in fretta. Così quasi da ferma, lascia partire un tiro dalla potenza sorprendente e dalla precisione chirurgica che riempie l’angolino alto sul secondo palo. Non ci sono possibilità per Michelle Betos di evitare la finalizzazione di un gesto tecnico squisito.

L’importanza di chiamarsi Rachel Daly [Houston Dash – Washington Spirit 2-2]

Per una squadra che deve ancora fare i conti con i recenti eventi interni, un’altra, Houston, si rimette in corsa grazie soprattutto al ritorno del capitano Rachel Daly.

Nonostante infatti l’ottima prestazione di Washington per ben 52 minuti in cui trova un doppio vantaggio prima con Paige Nielsen e poi con Tori Huster, Houston non demorde.

Ed è proprio da un calcio d’angolo di Daly che Veronica Latsko trova il rimpallo necessario per riaprire la gara. E sempre Daly chiama la carica, con esperta visione di gioco ma soprattutto ottima conoscenza della sua squadra. Notando infatti Makamae Gomera-Stevens in posizione invitante al limite dell’area, la calciatrice britannica la serve con un lancio lungo dalla propria metà campo. Gomera-Stevens di petto fa da sponda per Michaela Abam che al debutto vince il confronto con Samantha Staab e batte Aubrey Bledsoe.

È un pareggio che profuma di vittoria quello di Houston, che con Rachel Daly ritrova anche la strada ai play-off.

La semifinale di Women’s Cup inoltre, disputata tra l’ospitante Racing Louisville e Chicago Red Stars, è valsa anche per il campionato NWSL. Dal pareggio di 1-1 nei tempi regolamentari infatti, entrambe le squadre hanno guadagnato un punto in classifica. La vittoria ai rigori di Louisville invece ha permesso alla squadra di casa di avanzare alla finale, dove incontrerà il Bayern Monaco.

Questa è dunque la nuova classifica dopo l’ultimo turno:

SquadrePGPunti
Portland Thorns1429
North Carolina Courage1424
NJ/NY Gotham FC1321
Orlando Pride1521
Chicago Red Stars1621
Washington Spirit1419
OL Reign1419
Houston Dash1418
Racing Louisville 1416
Kansas City NWSL147

Rita Ricchiuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *