Il campionato di Serie A Femminile riparte per Napoli ed Inter dallo Stadio “Giuseppe Piccolo” di Cercola (NA). Le due squadre non hanno mai vinto alla prima giornata di Serie A: il Napoli ha collezionato un pareggio e due sconfitte, l’Inter un pareggio e una sconfitta. Entrambe hanno però obiettivi importanti, specialmente le nerazzurre rinnovate in quanto a rosa e ambizioni.

Le formazioni iniziali

Le padrone di casa, guidate da mister Alessandro Pistolesi, si dispongono con un prevedibile 4-3-3 con: Aguirre tra i pali, difesa a 4 con Imprezzabile e Toniolo sulle fasce destra e sinistra, Garnier e Abrahamsson al centro; centrocampo formato dal terzetto Tui, Colombo e Goldoni, infine Erzen e Acuti a supporto di Popadinova. Rita Guarino, all’esordio ufficiale sulla panchina dell’Inter, adotta lo stesso modulo con Durante in porta, in difesa Merlo e Landstrom sugli esterni, Alborghetti e Sonstevold al centro; centrocampo a 3 con Simonetti, Csisza’r e Karchouni; infine attacco di grande caratura con Portales, Pandini e Marinelli.

La cronaca del match

L’Inter parte a ritmi altissimi e colleziona due occasioni importanti con la sua numero 7 Marinelli. Dapprima l’attaccante, al minuto 2, colpisce la traversa, con la palla che rimbalza sulla linea ma non entra; successivamente, al quarto, sempre Marinelli calcia dalla distanza, quasi al limite dell’angolo destro dell’area di rigore: Aguirre legge bene la conclusione e respinge sulla sinistra.

Al minuto 6, anche il Napoli trova la sua prima palla-gol: cross perfetto di Erzen, colpo di testa di Eleonora Goldoni, ex della partita, che non colpisce benissimo di testa e manda il pallone di poco alto sulla traversa; Durante sembrava però sulla traiettoria. Sempre Goldoni, al decimo, intercetta una seconda palla respinta dalla difesa interista: il tiro è forte, ma la traiettoria si alza e termina sopra la traversa di diversi metri.

La protagonista del match sembra portare il nome di Gloria Marinelli: grande incursione per vie centrali e conclusione secca ma di poco imprecisa. Succede al dodicesimo, con la sfera che sibila il palo e va sul fondo. Le due squadre sono molto attive e il match è in questa fase particolarmente equilibrato: al 22′ Popadinova supera Pandini con una bella giocata e la costringe a spendere il cartellino giallo. L’Inter alza però i ritmi e produce una doppia conclusione con Csisza’r che viene respinta dalla retroguardia partenopea; si avventa quindi Pandini, che ha spazio per angolare ma non trova il secondo palo.

L’episodio che svolta il match capita al minuto 37, con un intervento ingenuo di Goldoni su Pandini in area di rigore. L’arbitro non ha dubbi e assegna il penalty; Simonetti è glaciale dal dischetto e spiazza Aguirre. Il Napoli non trova la forza di reagire, l’Inter si esalta: sulla corsia di destra, Portales salta due calciatrici napoletane e crossa basso al centro: il pallone è un cioccolatino per Marinelli, che deve solo appoggiare per la rete del 2-0. L’Inter conclude il suo finale di tempo di grande pressione con una conclusione alta e imprecisa di Karchouni.

La seconda frazione riparte a ritmi più bassi. La prima conclusione, dopo i primi cambi operati dalle due squadre, arriva al 58′ con un tiro alto della subentrata Bonetti. La numero 10 dell’Inter inventa al minuto 63 con un cross molto interessante, che Marinelli non intercetta veramente per poco. Bonetti è entrata con grande spirito in campo e lo dimostra nuovamente al minuto 66, con un bel movimento che si traduce in un tiro molto pericoloso deviato in angolo dalla difesa delle azzurre.

Le nerazzurre calano il tris grazie ad un’altra splendida iniziativa di Bonetti. La 10 si conquista il fondo sulla destra e crossa in area; la difesa azzurra allontana ma Merlo ripropone con un tiro insidioso. Il pallone, smorzato da una deviazione, resta così nelle disponibilità di Pandini che deve solo spingere a porta sguarnita.

Le nerazzurre possono dilagare a dieci dalla fine con Martina Brustia, che si lascia ipnotizzare da Aguirre. Neppure sessanta secondi dopo, la portiera spagnola è nuovamente reattiva sul tiro ravvicinato di Marinelli. Il Napoli non trova mai la forza di reagire, non costruisce nessuna occasione importante e la partita scivola sul fondo. Vince l’Inter con il punteggio di 0-3: un risultato meritato, che testimonia di una squadra nerazzurra molto solida e che potrà dire la sua in questo campionato; il Napoli, invece, dovrà lavorare tanto, nei meccanismi difensivi come nella capacità di creare pericoli offensivi.

NAPOLI FEMMINILE – INTER WOMEN 0-3

Marcatrici: 38′ Flaminia Simonetti, 41′ Gloria Marinelli, 68′ Marta Pandini‎

NAPOLI: 13 Aguirre; 91 Imprezzabile (70′ 18 Kuenrath), 3 Garnier, 22 Abrahamsson, 23 Toniolo (56′ 19 Porcarelli); 8 Tui, 14 Colombo (46′ 7 Blanco), 16 Goldoni; 11 Erzen, 10 Popadinova (85′ 30 Severini), 17 Acuti (85′ 24 Corrado sv.). All.: Alessandro Pistolesi

INTER: 22 Durante; 13 Merlo, 2 Sønstevold, 19 Alborghetti, 3 Landström; 20 Simonetti, 27 Csisza’r (82′ 21 Regazzoli), 5 Karchouni; 17 M. Portales (56′ 10 Bonetti), 18 Pandini (70′ 8 Brustia), 7 Marinelli. All.: Rita Guarino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *