Il Milan super 2-1 lo Zurigo e vola in finale del mini gruppo che vale l’accesso al secondo turno della UEFA Women’s Champions League

Per guadagnarsi la finale del primo turno di UWCL, il Milan è costretto a vincere in terra svizzera contro le padrone di casa dello Zurigo. L’incontro, affidato all’arbitro ucraina Usova, si tiene presso l’impianto “Letzigrund Stadion”. Il tecnico Ganz si affida al 3-4-3 con Giuliani tra i pali, Fusetti, Agard, Arnadottir in difesa; Bergamaschi ed Andersen sulle fasce, Jane e Adami al centro; in attacco la francese Thomas e Veronica Boquete si muovono a supporto di Giacinti. Le svizzere, guidate da Inka Grings, si schierano invece con un 4-4-2 a baricentro basso. La vincente di stasera affronterà in finale l’Hoffenheim, che a sua volta ha superato le islandesi del Valur con il punteggio di 1 a 0.

Il primo pallone della gara è giocato dalle rossonere, che dopo appena trenta secondi vanno alla conclusione con Boquete: il tiro è debole e facilmente neutralizzato dalla portiera Peng. La prima vera occasione cade al minuto 17 con una splendida giocata in verticale di Andersen, che trova Giacinti: l’attaccante del Milan avrebbe la possibilità di avanzare ma opta in maniera infelice per un pallonetto dai venti metri che si spegne sulle braccia di Peng.

Alla metà del primo tempo prova ad affacciarsi in avanti lo Zurigo, rintanato da inizio partita nella sua metacampo. Al minuto 22, la numero 19 Terchoun va fortunosamente al tiro dopo un rimpallo con la difensore milanista Arnadottir: il pallone prende una strana traiettoria, ma Giuliani è attenta e respinge la conclusione. Dopo l’avanzata svizzera, il Milan riprende in mano la partita e sfiora la rete direttamente da calcio piazzato: dai 25 metri circa, Veronica Boquete calcia violentemente ma la sfera si spegne sulla traversa e rimbalza fuori. Appena un minuto dopo, Thomas conclude di testa ma non trova la porta.

Sono le prove del gol del vantaggio, che arriva puntuale pochi minuti dopo. Al minuto 33, il Milan costruisce una splendida azione. Dalla destra dell’area di rigore, Andersen trova al centro Giacinti ed è per lei semplicissimo appoggiare in gol da distanza ravvicinata.

Anche alla ripresa delle ostilità, il Milan sembra ripartire con un buon piglio. Al minuto 51, Veronica Boquete premia l’inserimento di Thomas, che tenta di sorprendere Peng con un pallonetto, ma la conclusione è deviata sul fondo: da apprezzare il cross filtrante della calciatrice spagnola. Le svizzere devono reagire e hanno la grande opportunità del pareggio al minuto 57: Dubs, da posizione centrale, tenta di superare l’estrema difensore Giuliani, ma la portiera della Nazionale è puntualissima in uscita e fa suo il pallone.

Allo scoccare del sessantesimo, Arnadottir si propone sulla fascia sinistra e dopo una bella sgroppata serve Giacinti al centro dell’area di rigore: la sua conclusione è ben indirizzata ma di poco alta sopra la traversa.

Lo Zurigo resta quindi in partita e trova la rete del pareggio al minuto 68: dalla sinistra Riesen, entrata in campo da due minuti, mette in area un cross basso apparentemente innocuo; Agard svirgola il pallone, la numero 2 Megroz la punisce con un gran tiro al volo che si spegne sotto il sette. Nulla da fare per Giuliani, le svizzere trovano così l’1-1.

Il Milan non ci sta, effettivamente il pareggio non è il risultato più giusto. Al minuto 71, Bergamaschi tenta di riportare le rossonere avanti, ma la sua azione personale produce solo una conclusione alta sopra la traversa. La grande voglia di Giacinti si materializza nella rete del nuovo sorpasso rossonero del minuto 82: imbeccata da un filtrante della subentrata Grimshaw, l’attaccante è perfetta in diagonale e supera per la seconda volta Peng.

Dopo 6 minuti di recupero, l’arbitro fischia la fine della gara. Il Milan supera la semifinale del mini girone e in finale affronterà l’Hoffenheim.

ZURIGO – AC MILAN 1-2

Marcatrici: Giacinti, Megroz, Giacinti

ZURIGO (4-4-2) – Peng; Megroz (85′ Wulff), Kiwic, Stierli, Fisher (66′ Regazzoni); Dubs (66′ Riesen), Vetterlein, Moser M. (75′ Moser R.), Piubel (75′ Andrade); Terchoun, Humm (Cap.). A disposizione: Andrade, Benz, Bruderer, Enz, Flury, Heeb, Matsushita, Moser R., O’Neill, Regazzoni, Riesen, Wulff. Allenatore: Grings

MILAN (3-4-3): Giuliani; Arnadottir, Fusetti, Agard; Andersen, Jane (73′ Grimshaw), Adami, Bergamaschi; Boquete (85′ Stapelfeldt); Thomas, Giacinti (C). A disposizione: Korenciova, Rizza, Kirchstein, Codina, Tucceri, Longo, Grimshaw, Stapelfeldt, Miotto. Allenatore: Ganz

Manfredi Maria Tuttoilmondo

One comment

Il Milan vince in Champions League femminile. Doppietta per Valentina Giacinti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *