La Svezia batte per 3-0 gli Stati Uniti, nella prima gara del Gruppo G, alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Grazie a una grande prestazione la nazionale svedese ha dominato la gara infliggendo alle rivali americane un sonoro 3-0 che non lascia scampo. Una gara per lunghi tratti dominata dalla squadra scandinava che già nel primo tempo poteva far sua la partita.

Il portiere della USWNT Naeher, in più di un’occasione, ha effettuato diversi salvataggi, come ad esempio al 14′ su tiro di Fridolina Rolfo che l’estremo difensore americano ha respinto.

La Svezia dopo aver sofferto in alcune situazioni, con il passar del tempo ha preso ulteriore coraggio e aumentato il ritmo nelle sue fasi di attacco.

Al 25′ arriva il gol del vantaggio svedese. Lo firma Stina Blackstenius di testa anticipando tutti su cross proveniente dalla destra.

Gli Stati Uniti accusano il colpo provano a reagire ma senza ottenere risultati. Anzi è ancora una volta la formazione europea ad andare vicina al gol con Jakobsson.

Prima della fine del primo tempo c’è spazio ancora per due occasioni svedesi, prima con Jonna Andersson e poi con la pericolosissima Blackstenius, ma si salva la retroguardia USA.

Nel secondo tempo il CT americano Vlatko Andonovski effettua un doppio cambio: dentro Julie Ertz per Sam Mewis e Carli Lloyd per Alex Morgan.

Il copione della gara non cambia. È sempre la Svezia a farsi pericolosa tanto da trovare il gol del raddoppio al 54′ ancora con Blackstenius.

La calciatrice svedese sugli sviluppi di un calcio d’angolo è svelta nel farsi trovare al posto giusto al momento giusto e da distanza rafficinata batte il portiere della USWNT.

Al 64′ Megan Rapinoe entra in campo al posto di Tobin Heath. Il cambio porta i suoi frutti e al 71′ la nazionale USA vicina al gol del 2-1 con una bella azione costruita da dalla neo entrata Rapinoe e Press, ma su conclusione di quest’ultima la palla finisce sul palo.

La partita anzichè riaprirsi si chiude definitivamente quando arriva il terzo gol della Svezia che porta la firma della Juventina Lina Hurtig entrata da poco in campo.

Bellissimo cross dalla destra di Glas che trova Hurtig in area. In elevazione la bianconera colpisce di testa e palla in rete alle spalle di Naeher.

Finisce con il punteggio di 3-0 una gara ben giocata dalla Svezia che ha trovato di fronte una USWNT a tratti irriconoscibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *