Un giovane talento tra i pali della San Marino Academy: Gloria Ciccioli. Classe 2000, ruolo portiere, Gloria è alla San Marino Academy da due stagioni. In precedenza ha vestito la maglia della Jesina. Dopo diversi anni con i maschi nel 2014 Ciccioli approda nella squadra femminile Jesina.

Con il numero 12 sulla schiena è alla sua prima stagione in Serie A. Ha giocato da titolare 18 partite, subendo 48 reti e una salvezza ancora da conquistare. In esclusiva a L Football ha rilasciato la seguente intervista.

Gloria, come ti trovi a far parte della San Marino Academy?

“Far parte di questa squadra significa incarnare uno spirito di sacrificio e dedizione, perché il percorso etico e morale seguito si basa principalmente su questo e abbiamo dimostrato che con il lavoro e il sudore si possono raggiungere obiettivi inaspettati”.

Quali sono le difficoltà nell’affrontare in ogni giornata attaccanti di un certo livello?

“Giocando per una squadra che lotta per la salvezza, è inevitabile che il portiere e la difesa vengano presi d’assalto in quasi tutte le partite, per cui la difficoltà più grande, secondo il mio punto di vista, è quella di mantenere la concentrazione alta per tutto il tempo, senza mai abbassare la guardia, perché affrontare attaccanti di un certo livello presuppone che possano inventare qualsiasi cosa in qualsiasi momento”.

©SMAcademy

Siamo ormai a fine campionato, qual è la tua fotografia della vostra stagione?


“Secondo me la prima storica vittoria contro il Florentia. È stato un momento di liberazione per tutte noi, perché nelle settimane precedenti avevamo subito giudizi e critiche, ma siamo state brave a dimostrare in campo che possiamo batterci contro chiunque senza paura”.

Il tuo pensiero a riguardo alla prossima sfida contro la Fiorentina?

“Sicuramente è una finale, in cui dovremmo sfoderare tutte le nostre carte, giocare la partita perfetta e dare il massimo, perché sappiamo che sarà difficile, ma non impossibile, e vogliamo continuare a sognare”.

Ultimamente la serie A femminile si sta ritagliando, sia sui social che sulle pay tv, un posto di rilievo. Come vivi personalmente questa situazione?

“Ovviamente è bellissimo che il calcio femminile in questo momento abbia più visibilità. Questo permette agli appassionati di sport di conoscere il mondo del calcio femminile e conferisce a noi una responsabilità maggiore, perché avremo il compito di far emozionare gli spettatori che ci guardano da casa”.

Fra due anni sarà la svolta con l’arrivo del professionismo nel calcio femminile, come vivete questo l’attesa per questo passo importante?

“È un momento di attesa che sembra non terminare mai, perché attualmente non abbiamo le giuste tutele. Finché non avremo questa sicurezza sarà difficile. Per ora sembra un traguardo lontano, ma tutte noi non vediamo l’ora che quel momento arrivi”.

Danilo Billi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *