Impresa della AS Roma che nel doppio confronto supera la Juventus e conquista la finale di Coppa Italia. Le ragazze allenate da Betty Bavagnoli hanno dimostrato di poter tener testa alle bianconere dominatrici in campionato.

Nel secondo tempo la Roma fatto sua la partita mentre la Juventus si è svegliata tardi nella ripresa.

La Cronaca del match

Nella seconda semifinale di Coppa Italia si affrontano Juventus Women e Roma femminile, in palio la finale contro il Milan.

All’andata la sfida è terminata 2-1 per le giallorosse. Unica sconfitta per la Juventus in questa stagione nelle competizioni italiane.

Bianconere in campo con il solito 4-3-3 con Giuliani in porta e in difesa Hyryynen Gama, Sembrant e Boattin. A centrocmapo Rosucci, Pedersen e Caruso mentre in attacco Cernoia, Girelli e Hurtig.
Assente Barbara Bonansea non al meglio della condizione e Guarino non ha voluto schierarlaa dal primo minuto.

La AS Roma risponde con il 4-2-3-1 Ceasar tra i pali, in difesa Soffia a destra, Bartoli a sinistra, centrali Swaby e Linari.
A centrocampo di ci sono Bernauer e Giugliano con Serturini, Thomas e Bonfantini dietro alla punta Lazaro.

Tra le fila giallorosse assente Andressa per un problema fisico.

Al 2′ minuto la prima occasione della gara è per la Juventus con Lina Hurtig che servita in area calcia di sinistro da posizione ottimale ma Camelia Ceasar respinge.

La Roma risponde al 5′ con un’affondo di Annamaria Serturini che entra in area calcia in porta ma Lisa Boattin respinge e poi la Juve si salva in calcio d’angolo .

Si lotta su ogni pallone con intensità con entrambe le squadre che non vogliono lasciare spazi ma anche tempi alle avversarie.

Al 16′ ci prova Valentina Cenoia dalla lunga distanza ma il portiere giallorosso para senza difficoltà,

Al 18′ si sblocca la gara. Cross di Arianna Caruso dalla sinistra e al centro dell’area Pedersen colpisce la palla di testa e la infila dove Ceasar non può arrivarci. Juventus in vantaggio e qualificazione ora dalla parte delle bianconere.

La prova a reagire e lo fa con Serturini che sembra essere quella più pericolosa tra le giallorosse. La numero 15 della Roma viene spesso cercata dalle compagne nelle azioni di attacco.

Il primo cartellino giallo del match è per Hurtig che in ritardo su Soffia commette fallo in scivolata a dietro.

Pari per quanto riguarda il computo dei gialli. Ammonita Swaby per fallo su Caruso.

La Roma fa girare la palla nel tentativo di trovare il varco giusto ma la Juve difende bene. Ci prova Giugliano che serve Soffia in corsa in area ma brava Giuliani a uscire e leggere bene il tempo.

Al 42′ Cernoia dalla sinistra entra in area palla al piede, la contrasta Soffia, prova una finta la numero 7 bianconera e calcia ma para Ceasar.

Tiro dalla bandierina per la Juventus, palla colpita di testa da Sembrant e bellissima parata d’istinto di Ceasar che salva la porta.

La ripresa si apre con la Roma che prova a capovolgere la qualificazione cercando il gol del pari. Bella azione di Soffia che entri in area dribblando due avversarie ma non trova il tempo e lo spazio per la conclusione.

Al 57′ la Roma trova il gol con Paloma Lazaro ma la posizione della spagnola era in fuorigioco e l’arbitro non concede la rete.

Al 63 cambio per la Juventus, dentro Maria Alves fuori Caruso. Due minuti dopo grande occasione per la Roma con Thomas che non riesce a ribattere in rete un’indecisione della difesa bianconera.

Al 68′ altra occasione per la Roma sugli sviluppi di un corner. Cross di Giugliano testa di Lazaro e palla a lato.

AL 77′ altro affondo di Serturini sulla sinistra, fa partire un tiro cross che Giuliani non trattiene e pala in angolo.

Dal corner parte il cross, sul palo opposto arriva Linari la mette in mezzo e trova Thomas che infila la palla in rete. pareggio della Roma e qualificazioni dalla parte delle giallorosse adesso.

La Juventus ora si butta in avanti alla ricerca del gol per ribaltare le sorti della qualificazione. All’80’ ci prova con Boattin dalla distanza ma palla alta.

All’82 la Roma trova il gol del 2-1. Ancora da calcio d’angolo battuto da Giugliano, questa volta sul primo palo, arriva Paloma Lazaro che la infila di testa.

La formazione bianconera cerca di rimontare ma invano. La Roma tiene e sembra averne di più dal punto di vista fisico.

Al 92′ la Juventus trova il gol del pari di testa su angolo. Sempre da calcio d’angolo bianconere ancora in gol con Sara Gama al 95′. Un finale incredibile quello al Juventus Center di Vinovo. Due gol per le bianconere che non bastano a ribaltare la qualificazione.

Finisce la gara, la AS Roma perde 3-2 ma raggiunge il Milan in finale di Coppa Italia in virtù dei due gol segnati in trasferta.

La Roma ha giocato meglio nel secondo tempo riuscendo a trovare due gol che le sono valsi l’accesso alla finale.

Juventus Women – AS Roma 3-2

Marcatrici: 18′ Pedersen, 78′ Thomas, 82′ Lazaro, 90+2′ Girelli, 90+6′ Gama

Juventus Women (4-3-3): Giuliani; Hyyrynen, Gama, Sembrant, Boattin; Rosucci, Pedersen, Caruso (63′ Maria Alves); Cernoia, Girelli, Hurtig (83′ Staskova). All. Guarino. A disp. Bacic, Soggiu, Giordano, Salvai, Lundorf, Zamanian, Bonansea

Roma (4-2-3-1): Ceasar; Soffia, Swaby (85′ Pettenuzzo), Linari, Bartoli; Giugliano, Bernauer; Bonfantini (77′ Banusic) , Lazaro, Serturini; Thomas. All. Bavagnoli. A disp. Pipitone, Ghioc, Corrado, Erzen, Severini, Corelli, Massa

Arbitro: Colombo di Como

Ammonite: 27′ Caruso, 32′ Swaby, 86′ Rosucci, 88′ Girelli