Novità per quanto riguarda il professionismo nel calcio femminile.
Il presidente federale Gabriele Gravina ha dichiarato che, il prossimo 16 febbraio, verrà presentato il piano di sviluppo su base pluriennale.

Quello femminile “è un movimento in espansione, purtroppo la pandemia ha complicato il percorso e bloccato la corsa al tesseramento. Il professionismo femminile è già stato deliberato e il 16 febbraio presentiamo il piano di sviluppo per i prossimi quattro anni”. Queste le parole del numero uno della Federazione Italiana Giuoco Calcio in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera.

Nel giugno scorso il Consiglio Federale della Figc, attraverso una delibera, ha indicato che a partire dalla stagione 2022-23, le calciatrici della massina serie saranno riconosciute come atlete professioniste.

Per il passaggio dal dilettantismo al professionismo c’è dunque una data, ma non sono mai state fornite ulteriori informazioni in merito all’attuazione di una riforma che, per gli sport femminili, può segnare una vera e propria svolta.

Cosa cambia realmente con l’introduzione del professionismo nel calcio femminile? Tutto quello che c’è da sapere su norme, contratti, tutele, stipendi e costi per le società potete leggere la nostra guida al professionismo nel calcio femminile.

Per approfondire leggi anche:

Ludovica Mantovani sul professionismo: “Abbiamo una data nella quale farci trovare pronti”

Foto: Juventus FC