Ieri 10 febbraio, ha avuto luogo la Giornata dello Sport. Dopo aver dato vita al movimento “Just Do It – Nulla può fermarci” e il programma NikeXSchool, nati per ispirare e motivare i giovani di Milano e di tutta Italia a esprimere il proprio potenziale attraverso lo sport, Nike ha portato ancora avanti il suo impegno per la pratica sportiva tra i più giovani collaborando con il Festival dei Giovani® per la realizzazione di questa giornata.

La giornata è stata dedicata a vari appuntamenti virtuali che hanno permesso di ascoltare le voci e le storie autentiche di atleti Nike, sportivi d’eccezione e dibattere su valori come resilienza e perseveranza e la possibilità di restare attivi con sessioni di allenamento guidate dai migliori trainer Nike.

Questi valori sono condivisi anche nel capitolo finale Nike “You can’t be stopped” della campagna “You can’t stop us”, che riaffermano l’impegno di Nike per promuovere la partecipazione allo sport dei giovani. La partecipazione alla Giornata dello Sport è stato un ulteriore passo avanti di Nike per raccontare la forza che lo sport riesce a trasmettere anche nei momenti più difficili.

Sara Gama, Marco Belinelli e Aurora Ramazzotti sono stati alcuni degli ospiti di questa giornata. Insieme hanno raccontato l’importanza di avere il giusto “Mindset” nel percorso di raggiungimento dei propri obiettivi sportivi e personali e hanno discusso di come la vera motivazione sia la forza per fare la differenza e non mollare mai.

In particolare, Sara Gama ha detto “quando ero piccola non avevo una fonte di ispirazione precisa, mi piaceva giocare a calcio, era la mia passione più grande e volevo continuarla. Mi sono stupita poi di come il calcio sia diventato parte integrante della mia vita. Lo sport mi ha insegnato tutto e il calcio, in particolare, è stato per me una grande scuola di vita: ho conosciuto la vittoria ma anche la sconfitta e ho fatto miei quei valori che ti insegnano a stare al mondo. Oggi, penso sempre a dare il meglio di me per essere un esempio per i giovani”.

Marco Belinelli, parlando di motivazione, ha aggiunto “ho sempre cercato di dare tantissimo e di non mollare mai perché volevo realizzare il mio sogno. E anche nei momenti più difficili, ho pensato che la cosa più importante fosse lavorare forte sul campo e non mollare, perché è molto più facile mollare che andare avanti”.

Aurora Ramazzotti ha sottolineato invece “lo sport per me è un parallelismo costante con la vita e con gli ostacoli che essa ci pone. Io mi sono avvicinata allo sport con la corsa, lo sport più duro (per me) e quando ho capito che l’unico ostacolo che avevo nella corsa ero io, ho imparato a non fermarmi, a superarlo e ad andare avanti. Molto spesso infatti siamo proprio noi a porci dei limiti anche nella vita e lo sport ci aiuta a capire che possiamo superarli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *