Lo scorso weekend nel big match Arsenal Women – Manchester City, Ellen White, con il suo cinquantacinquesimo gol in Women’s Super League, è diventata la all-time top scorer del massimo campionato inglese.

Lo scorso 7 novembre, quando Ellen White ha segnato la doppietta contro il Bristol City, sono state le sue compagne, al rientro negli spogliatoi, a farle notare che aveva appena segnato il suo il suo cinquantesimo gol in carriera in Women’s Super League.

Chissà se anche questa volta, dopo il gol contro l’Arsenal, sono state le compagne a farle notare che, con il suo cinquantacinquesimo gol, era appena diventata la all-time top scorer della WSL, superando Vivianne Miedema proprio in casa delle Gunners e sotto gli occhi della stessa Miedema.

I cinquantacinque gol, in centotredici presenze, li ha segnato con le maglie di quattro club diversi: Arsenal (quattordici), Notts County (sei), Birmingham (ventuno) e Manchester City (quattordici).

Il suo primo gol in assoluto in Women’s Super League lo aveva segnato il 28 aprile 2011, nella sconfitta per 1-2 dell’Arsenal contro il Birmingham.

Se è vero che con la maglia delle Gunners ha vinto la maggior parte dei trofei della sua carriera (due campionati, due FA Cup e due Continental Cup), è anche vero che dopo il suo addio, nel 2013, alcuni dei suoi gol più memorabili e importanti li ha segnati proprio contro il club londinese.

Tra questi c’è proprio il primo gol segnato, quando giocava al Notts County, alla prima partita da ex, il 2 aprile 2015. In quell’occasione White andò a segno grazie a un particolare schema su calcio di punizione messo in atto con Laura Bassett e Alex Greenwood. La partita finì 1-1.

Sempre contro l’Arsenal l’attaccante inglese ha siglato la sua unica tripletta in WSL. Era il 29 aprile 2018 quando il Birmingham si impose per 3-0 sulle Gunners proprio grazie ai gol di White.

Quel calcio di punizione e quella tripletta contro l’Arsenal sono stati definiti dalla giocatrice classe ’89 come i suoi gol “preferiti”, ma aggiunto: “Amo tutti i miei gol, non importa quanto siano trasandati”.

Diventata la seconda giocatrice a raggiungere quota cinquanta in WSL e ora all-time top scoerer, White non pensa troppo a darsi degli obiettivi: “Cento gol? Non ne sono sicura, mi ci è voluto abbastanza tempo per arrivare a cinquanta quindi non so quanto tempo dovrei giocare per [arrivare a] cento”.

Se ci ha messo praticamente un decennio per arrivare a cinquantacinque, però, è anche a causa dei tanti infortuni che in questo arco di tempo l’hanno tenuta spesso e a lungo lontana dal campo.

Nel 2014 la rottura del crociato durante la pre-season la costrinse a saltare l’intera stagione, rimandando il debutto ufficiale con la maglia del Notts. Non era la prima volta che doveva affrontare questo tipo di infortunio: le era già nel 2008, poco dopo il suo arrivo al Leeds United.

Nel 2016, invece, sempre quando giocava al Notts, saltò la seconda parte di stagione (da agosto in poi) a causa della frattura della clavicola rimediata in una partita di campionato contro l’Arsenal.

Nel 2018, alla sua seconda stagione al Birmingham, subì un infortunio alla schiena subito alla prima giornata. Pur giocando solo le ultime partite stagionali riuscì a segnare sei gol in sette presenze (otto, contando anche la prima giornata).

Soccer Football – Women’s FA Cup Final – Everton v Manchester City – Wembley Stadium, London, Britain – November 1, 2020 Manchester City’s Ellen White shoots at goal Pool via REUTERS/Facundo Arrizabalaga

Spesso gli infortuni, qualche volta il minutaggio limitato (è il caso della stagione 2012 con la maglia dell’Arsenal) le hanno impedito di andare in doppia cifra. L’unica volta che ci è riuscita è stato nel campionato 2017-18, quando ha vinto la classifica marcatrici con quindici gol (nonostante ciò il Birmingham arrivò solo quinto).

In questo campionato White è arrivata a otto gol in dodici presenze (facendo già meglio dello scorso anno) e nel 2021 ha segnato quattro gol in altrettante partite disputate. Con ancora dieci turni ancora da giocare andare in doppia cifra non sembra un’impresa impossibile per la nuova all-time top scorer.

Martina Pozzoli