Il difensore dell’Atletico Madrid Virginia Torrecilla è tornata a parlare del tumore al cervello che le è stato diagnosticato nei mesi scorsi.

“Quando mi è stato diagnosticato il tumore e mi hanno detto non potevo più giocare a calcio ho detto che non mi importava. Quello che volevo era che mi salvassero la vita” ha dichiarato Torrecilla ai microfoni di Radio MARCA “La priorità nella vita è il proprio benessere, la propria salute; il calcio è secondario”.

“Mentirei se dicessi che non ho avuto o che non ho paura. Devi affrontare una malattia che non sai come andrà a finire. C’è sempre la paura di una ricaduta, ma devi affrontarla e andare avanti a vivere” ha aggiunto la calciatrice spagnola.

A proposito di quello che le manca di più del calcio ha detto: “Soprattutto lo spogliatoio, le mie compagne. Piangere insieme, ridere delle vittorie… è quello che mi manca di più. Le ragazze e lo staff sono la mia seconda famiglia”.

Il 31 dicembre Torrecilla è tornata a toccare qualche pallone insieme alle sue compagne dell’Atletico dopo quasi 9 mesi. “Che gioia tornare a toccare il pallone e stare con loro” ha scritto il difensore in un post su Instagram “È stato un anno molto duro, ma senza dubbio mi ha fatto apprezzare molto di più questi momenti!”.

Torrecilla non ha dubbi sul fatto che tornerà in campo: “Voglio giocare di nuovo a calcio. Non ho dubbi che tornerò. Piangerò quando scenderò in campo e anche quando farò un gol. Piangerò come una pazza per aver saputo gestire tutto e perché sono ancora qui”.

“Non avrei mai pensato che tante persone si sarebbero interessate a me dopo la mia malattia. Devo ringraziarle perché questo mi ha permesso di andare avanti e di avere un sorriso” ha detto la giocatrice classe ’94 a proposito dell’affetto dimostrato nei suoi confronti.

Torrecilla ha definito “incredibile ed emozionante” la dedica del calciatore dell’Atletico Diego Costa, che dopo aver segnato un gol aveva mostrato la maglia numero 14 di Virginia: “Mi sono scese le lacrime perché l’Atletico Madrid, non solo i giocatori e il presidente, ma l’intera società si è interessata a me. Ho solo parole di ringraziamento per questo”.

Martina Pozzoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *