Finisce in parità, a reti inviolate, la sfida tra Danimarca e Italia al Viborg Stadion. Buona la prova delle azzurre che portano a casa un punto prezioso in ottica qualificazione agli Europei.

Le ragazze di Milena Bertolini hanno disputato un gara attenta, soffrendo ma riuscendo ad essere anche pericolose in alcune occasioni con Valentina Giacinti e Barbara Bonansea.

LA CRONACA DEL MATCH

L’Italia va a caccia della qualificazione agli Europei di calcio femminile in programma nel 2022 in Inghilterra. Seconde nel girone, le Azzurre per sperare nel primo posto devono battere le danesi con 3 gol di scarto e poi vincere contro Israele. Ma c’è anche l’ipotesi del pass europeo come migliore seconda. Anche un pareggio quindi potrebbe andar bene. Ma sono da valutare anche gli altri risultati nei vari gironi. La Danimarca in campo per difendere il primato nel girone.

L’Italia scende sul terreno di gioco con il modulo 3-5-2 con Laura Giuliani in porta e difesa formata da Sara Gama Laura Fusetti e Elisa Bartoli. A centrocampo dal primo minuto Arianna Caruso, con Aurora Galli, Manuela Giugliano, Valentina Cernoia e Valentina Bergamaschi. In attacco Barbara Bonansea e Valentina Giacinti. Fuori a sorpresa Cristiana Girelli. L’ottimo momento di forma di Caruso viene premiato da Milena Bertolini con la maglia da titolare. Torna Sara Gama dopo lo stop di tre mesi per infortunio.

Danimarca con molte assenze in campo con Christiansen, classe 2000, tra pali, difesa a quattro con Thrige, Ballisager, Sevecke e Svava. In mezzo al campo Sorensen, Junge Pedersen, Troelsgaard e Snerle. Coppia d’attacco Pernille Harder e Madsen.

Prime fasi di gioco giocate da entrambe le squadre con attenzione e concentrazione. L’Italia prova il primo affondo con Giacinti, servita in velocità da Caruso, ma la rossonera finisce in offside.

Al sesto minuto ci prova Pernille Harder con un tiro da fuori area ma debole e la palla finisce a lato. All’ottavo di gioco occasione per la nazionale italiana con Bergamaschi che dalla destra mette una buona palla in mezzo e di testa da Giacinti, in area piccola, la tocca debolmente. Capovolgimento di fronte e gol per la Danimarca, ma l’arbitro annulla per fuorigioco.

Al 9′ tiro di Cernoia dalla distanza ma finisce a lato. L’Italia prova a mettere pressione alle danesi e in due occasioni ruba bene palla per proporsi in attacco. Si lotta su ogni pallone in particolare a centrocampo dove le due squadre non vogliono mollare nemmeno un centimetro di campo all’avversario.

Pericolo per l’Italia al 23′: grande giocata di Pernille Harder che trova un filtrante per Smerle che davanti a Giuliani non riesce a concretizzare e Bonansea in fase di rinvio svirgola e rischia l’autorete.

Tiro dalla distanza di Harder al 26′ alto sulla traversa. L’Italia si rivede in attacco con Giacinti in progressione sulla sinistra, entra in area e serve Caruso, ma la bianconera colpisce male la palla da buona posizione.

Al 32′ bella azione corale dell’Italia con palla a Giugliano che fa partire un destro da fuori area ma la palla finisce fuori dallo specchio della porta.

Occasione sui piedi di Giacinti al 36′. Il capitano rossonero riesce ad arrivare a tu per tu con il portiere ma in posizione di fuorigioco al momento dell’assist di Bonansea.

Le Azzurre sono cresciute nella seconda parte del primo tempo e provano a impensierire la retroguardia danese.

Al 41′ bella giocata ancora di Harder che si libera sulla trequarti e innesca un’azione pericolosa che porta Sorensen a concludere in porta ma para Giuliani.

Il primo tempo si chiude sullo 0-0. Una buona Italia ha tenuto testa alla squadra avveersaria, riuscendo a rendersi pericolosa in alcune occasioni.

Il secondo tempo si apre con un tiro pericoloso di Madsen dal limite dell’area al 49′ ma brava Giuliani a parare e deviare in angolo. Sugli sviluppi del corner ancora pericolosa la Danimarca ma si salva la difesa azzurra.

Soffre molto l’Italia e non riesce a uscire dalla propria meta campo. La Danimarca ha alzato il livello di gioco e sta mette in difficoltà le azzurre che si difendono però bene.

Al 57′ sale in cattedra Pernlle Harder, avanza palla al piede sulla trequarti, supera Fusetti con una finta e un dribbling e fa partire un tiro di sinistro forte e preciso che colpisce la traversa interna e poi la linea di porta. Danimarca vicinissima al gol.

Photo by Lars Ronbog / FrontZoneSport via Getty Images)

Cambio per l’Italia al 58′: dentro Cristiana Girelli e fuori Aurora Galli. Un minuto dopo la numero dieci azzurra viene ammonita per un fallo su Sorensen.

Cambio anche per la Danimarca, esce Madsen ed entra Christiansen.

Al 65′ occasione Italia sui piedi di Bonansea che calcia da posizione centrale di sinistro ma la palla finisce tra le braccia del portiere.

Grande occasione per le azzurre al 71′ su una ripartenza di Giugliano. LA centrocampista serve Giacinti che a sua volta serve un assist a Bonansea ma la bianconera a tu per tu col portiere non riesce a concretizzare.

Al 73′ secondo cambio per la nazionale Italiana. Milena Bertolini manda in campo Martina Rosucci per Arianna Caruso.

Doppio cambio per la Danimarca. Fuori Snerle e Svava, dentro Caroline Moller Hanen e Holmgard.

Al 78 cartellino giallo per Pedersen per un fallo su Girelli sua compagna di squadra nella Juventus.

All’80’ bella azione dell’Italia con Giacinti che viene fermata al limite dell’area. Calcio di punizione affidato a Valentina Cernoia che calcia alto sulla traversa.

Corner pericoloso dell’Italia all’85 con la palla che attraversa tutta l’area danese ma nessuna azzurra riesce a toccare la palla. Sull’azione successiva grandissimo intervento di Laura Giuliani che neutralizza Moller. Incredibile occasione per la Danimarca.

All’89 ancora l’Italia ci prova sugli sviluppi di un calcio d’angolo ma si difende bene la Danimarca.

Esordio per Sofia Cantore in nazionale maggiore che entra al 90 al posto di Giacinti.

Dopo quattro minuti di recupero, finisce con un pareggio la partita tra Danimarca e Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *