Il Lione vince anche la gara di ritorno ed elimina la Juventus Women dalla UEFA Women’s Champions League.

Alla terza partecipazione della sua storia, le bianconere non riescono ad andare oltre il primo turno, per effetto anche di un sorteggio mai favorevole.

Contro le campionesse d’Europa in carica del Lione, la Juventus esce comunque a testa alta dall’Europa, consapevole di aver affrontato un avversario di molto al di sopra delle proprie possibilità, ma di aver disputate due buone gare.

Sin dalle prime battute di gioco la squadra francese si è riversata in attacco creando dei pericoli alla difesa bianconera, prima con Majri e poi con Parris. Per vedere il primo acuto della Juve bisogna attendere il 13° minuto con Lina Hurtig che prova di sinistro un tiro a giro ma la palla finisce alta.

Al 21′ il Lione trova il gol. Su un passaggio di Bacic a Sembrant, il difensore svedese scivola e ne approfitta Marozsan che ruba palla e davanti al portiere bianconero non sbaglia.

Poco dopo è ancora la centrocampista tedesca a creare un pericolo alla retroguardia italiana che prova un tiro ma questa volta devia Sembrant. Nel finale di primo tempo occasione sui piedi di Hyryynen ma da posizione difficilissima, quasi linea di fondo, non riesce a pungere.

Nel secondo tempo Rita Guarino manda in campo Barbara Bonansea al posto di Girelli. I ritmi di gara sono altissimi e la pioggia battente aumenta la velocità della palla a discapito della tecnica.

Al 51′ Cascarino servita da Parris va alla conclusione ma Salvai respinge. Sul calcio d’angolo seguente il Lione cerca il secondo gol con Kumagai di testa, su cross di Marozsan, ma la palla finisce alta sopra la traversa.

Il Lione ha alzato ulteriormente la pressione e la Juventus fa fatica a uscire dalla propria trequarti campo. Al 58′ la Juventus deve fare a meno di Sara Gama. Il capitano bianconero è costretta a uscire dal campo per uno scontro di gioco. Al suo posto entra in campo Maria Alves.

Ancora un’occasione per le francesi con Cascarino che, servita da Parris, calcia in porta ma la palla viene deviata in angolo.

L’ingresso in campo di Malard al posto di Nikita Parris ha dato maggiore vitalità alla manovra del Lione che adesso attacca con sempre maggiore intensità.

Schema su calcio d’angolo con Cayman, appena entrata in campo, che effettua un tiro potente da fuori area ma palla fuori.

Bellissima giocata di Malard che con una veronica si libera di due avversarie e serve Majri a sinistra ma l’esterno sbaglia il cross in mezzo e alla in angolo.

Poco dopo ancora Lione vicina al gol con Malard ma Sembrant ci mette ancora una volta una pezza. La squadra francese non si accontenta del gol in più e continua ad attaccare senza sosta.

La Juventus si rivede dalle parti di Sarah Bouhaddi con una conclusione di Staskova da fuori area ma facile preda del portiere.

All’88 arriva il secondo gol del Lione con Malard che dialoga con Marozsan, entra in area e trafigge Bacic. Rete meritata per la calciatrice che dal suo ingresso in campo è stata la più pericolosa. Reazione Juve dopo il gol con Maria Alves ma il Lione chiude in angolo.

Nei minuti di recupero arriva il terzo gol del Lione con Cayman.

Finisce la gara con l’Olympique Lione che vince 3-0, approda agli ottavi di finale, e prosegue la sua corsa. La Juventus esce dall’Europa consapevole che la sua crescita, fuori dai confini nazionali, è comunque sulla buona strada.

Foto: Damien LG OL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *