Nell’ultima giornata della Frauen-Bundesliga il Bayern Monaco ha battuto il Wolfsburg campione di Germania in carica con un netto 4-1, portandosi a +5 sulle rivali.

Il Bayern ha chiuso il primo tempo già sul 2-0 con le reti di Viviane Asseyi al 26’ e Marina Hegering al 43’. Nemmeno il tempo di cominciare il secondo tempo che Lineth Beerensteyn firma il 3-0.

Per il Wolfsburg segna Lena Goessling su rigore (64’), ma al 77’ un autogol di Dominique Janssen ferma il risultato sul definitivo 4-1.

Con la vittoria dello scontro diretto le bavaresi hanno vinto 9 partite di campionato su altrettante partite giocate, con 30 gol fatti e uno solo subito. Ora guidano la classifica con 27 punti, davanti al Wolfsburg che di punti ne ha 22.

“Il fatto che abbiamo preso il primo gol alla nona giornata dimostra quanto siamo brave. Se batti le campionesse in carica 4-1 e guidi la classifica di 5 punti questo ti dà sicurezza. La squadra è incredibilmente stabile in questa stagione. Non solo vince, ma vince anche in modo convincente” ha dichiarato il presidente Herbert Hainer.

L’ultima squadra tedesca a battere il Wolfsburg era stata proprio il Bayern, il 17 febbraio 2019, ma la vittoria non era sembrata così netta: il Bayern vinse 4-2.

L’ultima volta che il Bayern aveva battuto le biancoverdi con una vittoria così larga risale alla stagione 2012-13, quando si impose per 3-0 in casa. Quel Wolfsburg a fine stagione avrebbe vinto la sua prima Bundesliga e la sua prima Champions League.

Se prendiamo in considerazione gli ultimi 10 anni, il dominio del Wolfsburg è stato netto dal punto di vista dei trofei vinti (6 campionati e 7 Coppe di Germania, oltre che 2 Champions League, contro le 2 Bundesliga e la Coppa di Germania vinta dal Bayern), ma non così netto dal punto di vista degli scontri diretti col Bayern.

Dal 2010 in poi biancorosse e biancoverdi si sono affrontate 24 volte, con 7 vittorie per le prime e 10 per le seconde (contando anche la finale di Coppa di Germania vinta ai rigori nel 2018), oltre a 7 pareggi.

Quello che ha fatto la differenza in questi anni, dunque, più che gli scontri diretti, è stata la capacità di non perdere punti contro le piccole squadre. Il Bayern, dunque, vinta la gara di andata col Wolfsburg, per interrompere l’egemonia biancoverde dovrà limitare il più possibile gli errori troppe volte commessi in questi anni.

Martina Pozzoli