Una nuova pagina di storia del calcio femminile italiano è stata scritta stasera. Milan e Juventus si sono affrontate a San Siro in un match valido per la quarta giornata di andata di Serie A femminile.

Ha avuto la meglio la Juventus che ha battuto le rivali rossonere per 1-0 grazie a un gol di Cristiana Girelli su rigore. La squadra bianconera torna così in testa alla classifica e questa volta lo fa in solitaria, guadagnando tre punti sulle dirette avversarie Milan e Fiorentina.

Due squadre che sono scese in campo con grinta e determinazione, consce di dover dare oltre il 100% per vincere.

Milan – Juventus è una partita che ha pochi precedenti ma in pochi anni si è affermata come una grande sfida del calcio italiano.

Prima del fischio di inizio i tecnici Maurizio Ganz e Rita Guarino ai microfoni di Sky Sport hanno voluto sottolineare l’importanza di giocare in uno stadio come il Meazza di San Siro per tutto il movimento calcio femminile.

“È una grande occasione per il calcio e per tutto il movimento”. Ha detto il mister rossonero che ha poi aggiunto: “ Sono felice che San Siro possa ospitare Milan – Juventus perché è la partita ideale per questo stadio”

Gli fa eco Rita Guarino che ha detto: “È un’emozione per tutti essere qui e non solo per chi scende in campo. Tutte le persone che seguono questo movimento l’hanno sognato. Ben venga questo palcoscenico perché le ragazze lo meritano”.

La cronaca del match

Il Milan in campo con il modulo 4-3-1-2 Con Korenciova in porta, Bergamaschi a destra, Tucceri a sinistra e al centro Agard e Fusetti. A centrocampo Jane in cabina di regia con Conc e Mauri. Dietro le due punte che sono Giacinti e Dowie, c’è Grimshaw ad agire tra le linee biancoere.

La Juventus risponde con il 4-3-3, modulo molto utilizzato da coach Guarino con Giuliani tra i pali, linea difensiva composta da Hyyrynen, Salvai, Sembrant e Boattin. In mezzo al campo ci sono Rosucci, Pedersen e Galli, mentre il tridente di attacco è composto con Cernoia a destra, Bonansea a sinistra e Girelli al centro.

Al momento dell’ingresso in campo c’è emozione sui volti delle calciatrici ma anche tanta concentrazione e qualche sorriso per salutare i pochi spettatori presenti sugli spalti.

La gara parte con ritmi alti da entrambe le parti, con le due squadre aggressive in fase di non possesso palla e pressing sistematico per cercare di recuperare palla quando a giocarla è l’avversario.

Nei primi minuti è il Milan che cerca di fare la partita con Refiloe Jane che cerca di creare avviando la manovra da centrocampo.

Al settimo minuto la Juve prova a farsi vedere dalle parti di Korenciova con un’azione di Bonansea e Girelli che non si concretizza. All’11’ l’episodio che cambia la partita. Cernoia palla al piede dalla destra si accentra, dribbla un’avversaria, entra in area, salta anche Conc che però non si ferma e commette fallo sulla bianconera. Per l’arbitro non ci sono dubbi, è calcio di rigore.

Sul dischetto si presenta Cristiana Girelli che spiazza Korenciova e porta in vantaggio la Juventus.

Per la numero 10 bianconera si tratta del 5° gol in quattro partite di campionato e raggiunge Elisa Polli al secondo posto.

Il Milan sembra aver accusato il colpo e la Juve cerca di approfittarne. Azione pericolosa di Bonansea che conclude in porta ma para Korenciova.

Al 16’ fallo di Bonansea su Bergamaschi sulla trequarti del Milan. La punizione per le rossonere viene calciata da Tucceri direttamente in porta ma para senza problemi Laura Giuliani.

Il Milan non ci sta e cerca di proporsi in avanti ma chiude bene la retroguardia bianconera.

La Juve quando attacca sembra farlo con più facilità rispetto al Milan. Le ragazze allenate da Ganz soffrono maggiormente il pressing e non riescono a imbastire agevolmente il gioco.

Al 24’ calcio d’angolo per la Juentus calciato da Bonansea e colpo di testa di Pedersen ma la palla finisce a lato.

Al 28’ ci prova Aurora Galli dalla distanza ma il tiro è facile preda per Korenvciova.

Alla mezz’ora di gioco bella giocata della Juve con Cernoia che dalla destra mette in mezzo per Gireli che di testa impegna Korenciova.

Poco dopo tocco di mano di Pedersen su un cross di Giacinti al limite dell’aria. Agard calcia direttamente in porta da posizione defilata e Giuliani respinge con i pugni.

In questa pria frazione di gioco al Mlan è mancato l’apporto di Grimshaw. La scozzese non è mai riuscita ad essere incisiva tra le linee avversarie.

Al minuto 42 si vede Natasha Dowie che prova un destro a giro che termina a lato della porta di Giuliani.

Si chiude il primo tempo con la Juventus in vantaggio di una rete.

Nel secondo tempo il Milan prova a farsi avanti per recuperare ma la JUve si difende bene.

Al 53′ arriva il primo cartellino giallo del match per Hyyrynen che commette fallo su Mauri che stava per ripartire. Pochi minuti dopo Agard mette in area una palla ma il Milan non riesce ad impensierire la retroguardia bianconera.

Occasione per la Juventus al 61′ da calcio d’angolo con Girelli che viene pescata sul secondo palo ma l’attaccante manda il pallone alto.

Al 63 primo cambio per il Milan, esce Conc ed entra Longo. Ganz prova a cambiare qualcosa per recuperare la partita.

Al 67′ Galli serve Bonansea in area che calcia fuori. La Juventus quando attacca lo fa con molta più precisione rispetto al Milan e non ha difficoltà a farsi vedere dalle parti di Korenciova. Il Milan invece non riesce a concretizzare e superare la retroguardia bianconera. Salvai, in campo oggi per la prima volta dal primo minuto per sostituire Gama infortunata, copre benissimo su Giacinti. L’attaccante rossonera non riesce a vincere un duello con il difensore juventino.

Grande occasione per il Milan al 75′ con Bergamaschi che di testa a pochi passi dalla porta manda alto sulla traversa.

Doppio cambio nelle fila della Juventus: al 75′ entrano Caruso e Staskova al posto d Rosucci e Cernoia.

Pochi minuti dopo pericolosa Giacinti in area bianconera che di testa non riesce a schiacciare in rete.

Il Milan insiste alla ricerca del gol del pareggio. All’82 esordio con la maglia della Juventus per Lina Hurtig che sostuisce Bonansea. Esce anche Girelli per Maria Alves.

all’89 ganz effettua un triplice cambio. Dentro Salvatori Rinaldi Spinelli e Vitale al posto di Grimshaw, Jane e Bergamaschi.

Grandissima occasione per il Milan al 90 sui piedi della nuova entrata Salvatori Rinaldi che da pochi passi calcia alto.

Dopo 5 minuti di recupero triplice fischio finale. La Juventus torna in testa alla classifica e lo fa in solitaria.

MILAN-JUVENTUS 0-1
12′ rig. Girelli

MILAN (4-3-1-2): Korenciova; Bergamaschi (89′ Spinelli), Fusetti, Agard, Tucceri Cimini; Conc (63′ Longo), Mauri, Jane (89′ Salvatori Rinaldi); Grimshow (89′ Vitale); Giacinti, Dowie. All. Ganz

JUVENTUS (4-3-3): Giuliani; Hyyrynen, Salvai, Sembrant, Boattin; Galli, Pedersen, Rosucci (75 Caruso); Bonansea (82′ Hurtig), Girelli (82′ Maria Alves), Cernoia (75′ Staskova). All. Guarino

Ammonite: Hyyrynen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *