Camille Abily, leggenda dell’Olympique Lyonnais e da questa stagione viceallenatrice dell’OL, ha parlato dell’organizzazione della ripresa degli allenamenti della squadra.

“Stiamo parlando di metà giugno al momento e lo speriamo. Le ragazze non possono allenarsi collettivamente. Lo fanno da sole perché sono grandi professionista e conoscono l’importanza di mantenere in allenamento il proprio corpo” dice Abily, che sottolinea come questo non possa bastare: “Non puoi giocare e il ritmo partita è importante. Anche se saranno fisicamente preparate, ci sarà la raccolta di informazioni, la velocità di esecuzione da ritrovare e per questo ci vuole tempo”.

Se la D1 ha chiuso anticipatamente la stagione dichiarando il Lione campione di Francia, le ragazze allenate da Jean-Luc Vasseur sono ancora in corsa per la Champions, competizione interrotta causa del coronavirus prima che si potessero disputare i quarti. L’avversario delle 6 volte campionesse d’Europa è il Bayern Monaco, che ha già ripreso gli allenamenti.

“Alla ripresa potremmo giocare contro il Bayern che è già tornato ad allenarsi, dovremo essere molto efficienti nelle 6 settimane di preparazione. Stiamo anche parlando di andare in un paese in cui le restrizioni sono minori per avere una situazione calcistica più normale” ha detto l’ex numero 23 del Lione.

Abily ha raccontato anche come è stato tornare all’OL non più nei panni di calciatrice ma di viceallenatrice: “Avevo lasciato le ragazze un anno fa, anche se siamo rimaste in contatto. Quest’anno è stato molto gratificante. Ho scoperto uno staff che ha molta esperienza. Siamo molto complementari e questo è ciò che ci rende forti”.

Abily è tornata a Lione dopo essersi ritirata nel 2018. L’ex centrocampista offensiva è una vera e propria leggenda delle Fenottes, con cui ha giocato tra il 2006 e il 2009 e poi dal 2010 al termine della carriera, vincendo 11 campionati, 7 Coupe de France e 5 Champions League. Con 326 partite è la seconda per numero di presenze nella storia del club francese, mentre con 209 è quarta per numero di gol segnati. Inoltre, con 81 partite disputate, è stata la prima giocatrice a superare quota 80 presenze nella storia della Champions League (ad oggi è stata superata solo dall’ex compagna di squadra Wendie Renard). Prima che fosse superata da Ada Hegerberg, Abily deteneva anche il record di gol in Champions League con la maglia del Lione e di gol in Champions League segnati con un solo club (43 gol).

Infine, l’ex numero 10 della nazionale francese fa un bilancio della stagione: “Abbiamo iniziato bene la stagione con il Trophée des Championnes [l’equivalente della Supercoppa Italiana]. Non è stato facile. È un trofeo che unisce il gruppo, con delle grandi emozioni. Conosciamo l’importanza dell’aspetto psicologico. Poi ci sono state alcune difficoltà dal punto di vista fisico. Le giocatrici sono state molto richieste con i Mondiali. È stato difficile recuperare psicologicamente. Il pareggio contro il Dijon è un po’ fastidioso. Avremmo potuto perdere, dobbiamo stare attenti”.

Martina Pozzoli