Manuela Giugliano è intervenuta in diretta sull’account Instagram di Roma TV, rispondendo alle domande Fabiola Rieti.

La numero 10 gialllorossa inizia parlando del periodo difficile che tutti stiamo attraversando: “Sto vivendo questi giorni in tranquillità, mi ritengo fortunata ad essere a casa con la mia famiglia, vivendo lontana da casa cerco di godermeli il più possibile.”

Prosegue descrivendo le sue più grandi passioni: “Penso che viaggiare sia la cosa più bella al mondo, mi reputo fortunata a poterlo fare giocando a calcio che è la mia più grande passione.”

“La società ci ha dato un programma da seguire, con doppi allenamenti. Il resto della giornata lo dedico a cucinare per la mia famiglia altrimenti ingrasso troppo (ride ndr). Mi piace sperimentare nuove ricette con mia mamma.” dice Manuela.

Allenarsi per delle atlete come loro non è facile, si incontano parecchie difficoltà: “Gli allenamenti prevedono una parte aerobica ed una parte di forza che riesco a fare adattando gli attrezzi di casa. Il pallone lo usiamo con esercizi da fare al muro, io mi diverto a dribblare il cane (ride ndr).”

Dopo l’annata in rossonero parla dell’approdo nella capitale: “Sono orgogliosa di far parte di una società che sta facendo del bene per questa emergenza. Fino ad ora a Roma sono stata bene, ho ttovato una famiglia oltre che una squadra che mi ha accolto, siamo un gruppo unito, solido. Penso che questa in una squadra sia fondamentale. I tifosi sono eccezionali, il tifo romanista ti prende proprio dentro. Quando entri in campo ti trasmettono una carica pazzesca. A noi sta farli divertire in modo che tornino in occasione di ogni partita. Per noi sono fondamentali.”

Giugliano racconta di se, delle sue abitudini e della sua squadra: “Prima di entrare in campo tendo ad ascoltare la musica. La sera prima preparo la playlist in base alla partita che mi spetta. Quando arrivo in spogliatoio stacco la musica per guardare le mie compagne e capire i loro stati d’animo. Già dal riscaldamento guardando le mie compagne riesco a capire come sarà la partita, l’adrenalina si sente da subito.”

In estate le “ragazze Mondiali” hanno avuto un grande successo, Manuela ne faceva parte e racconta: “Il Mondiale per me è un punto di partenza, il coronamento di un sogno che è costato tanti sacrifici. Sicuramente è stata un’esperienza che mi ha permesso di crescere. Sono cresciuta e diventata una giocatrice con più carattere, sono più matura. Bisogna continuare così, senza mai fermarci, il calcio femminile è di tutti e ad oggi la cosa più importante è divertirci, se siamo riuscite ad intrattenere le persone è la cosa più bella, ma bisogna continuare così.”

“Pensare di poter essere l’idolo di qualcuno è un sogno, do con piacere consigli alle bambine che mi amano e mi seguono ma consiglio loro di divertirsi sempre. Io stessa da bambina avevo un idolo ed era Alessandro Del Piero e lo è ancora, essendo un mediano basso tendo però a prendere spunto da Andrea Pirlo.” racconta Manuela, lusingata dal tanto affetto che riceve.

Tutte le calciatrici che hanno iniziato da piccole hanno giocato con i maschi, molte di loro sono state discriminate in quanto femmine e a questo proposito la Giugliano spiega: “Quando giocavo con i maschi venivo sempre classificata come “quella che faceva uno sport per maschi. Ero piccolina ma volevo dimostrarmi sul campo. Un giorno, non lo dimenticherò mai, ho fatto due tunnel consecutivi a due maschietti ed ho fatto gol, da quel momento sono riuscita a farmi rispettare. Prima di giocare a calcio ho provato a giocare a pallavolo ma dopo tre mesi continuavo a giocare con i piedi invece che con le mani e così ho iniziato a giocare a calcio.”

“Indossare il numero 10 significa responsabilità per me, il dieci a Roma è il numero di Totti, finchè portò vorrò continuare ad onorarla.”

Prosegue scherzando sulle sue compagne, da lei definite come una grande famiglia: “Le mie compagne più secchione sono Annamaria Serturini con Manuela Coluccini. Quella che balla meglio è Lindsey Thomas. La più divertente è Coluccini, lei è imbattibile. Quella più brava in cucina penso sia Federica Di Criscio, la sua specialità è il risotto.”

Infine Manuela Giugliano conclude parlando della complicata situazione attuale, trasmettendo serenità: “Per come stiamo vivendo ora è come se fossimo ancora unite ad allenarci. Quando riprenderemo non sarà facile ma sono sicura che affronteremo gli allenamenti e le partite con serenità. Spero di vincere qualche trofeo, sto davvero bene a Roma e non vedo l’ora di poter ricominciare.”

Miriana Cardinale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *