Il Reading Women, club che milita nella Women’s Super League inglese, ha comunicato di aver aderito al Job Retention Scheme emanato dal Governo.

La società calcistica pagherà solo il 20% dello stipendio delle calciatrici, mentre il restante 80% sarà a carico dello Stato.

Il Coronavirus Job Retention Scheme è uno schema temporaneo accessibile da tutti i datori di lavoro inglesi per almeno 3 mesi e ha lo scopo di fornire assistenza ai datori di lavoro le cui attività sono state fortemente colpite dal Covid-19.

La WSL è ferma dal 23 febbraio e da allora non è stata disputata più nessuna gara.

Lo schema prevede che l’80% dei costi sostenuti mensilmente per gli stipendi dei propri dipendenti verranno messi in furlough (ovvero in congedo lavorativo), fino ad un massimo di 2500 sterline per dipendente al mese, in aggiunta ai contributi pensionistici e assicurativi.

In Inghilterra le calciatrici sono considerate a tutti gli effetti delle professioniste con tutta una serie di tutele e contributi che sono un requisito essenziale per iscriversi al campionato.

C’è da precisare che le calciatrici che si trovano in furlough, godono degli stessi diritti che avevano in precedenza.

Nei giorni scorsi il sindacato dei calciatori e delle calciatrici Fifpro aveva lanciato l’allarme in merito alle conseguenze su salari e stipendi a causa del coronavirus.

Giuseppe Berardi
© RIPRODUZIONE RISERVATA