Arrivano le dimissioni di Carlos Cordeiro. La decisione è stata presa dopo un incontro con il consiglio di amministrazione della US Soccer. Tra i membri del consiglio c’è anche il commissario della MLS, Don Garber, che giovedì scorso si era detto “scioccato e arrabbiato” per le dichiarazioni della federazione.

A suscitare critiche e disapprovazione erano state le parole contenute nei documenti giudiziari depositati lunedì 9 marzo, in cui la Federcalcio statunitense ha affermato che il lavoro dei calciatori della USMNT richiede “più responsabilità del lavoro che fanno le querelanti, mentre si svolge anche in condizioni di lavoro materialmente diverse” e che richiede “un livello più alto di abilità basate sulla forza e sulla velocità rispetto al lavoro delle calciatrici della USWNT”.

In precedenza, mercoledì notte, Cordeiro aveva cercato di scusarsi affermando che le dichiarazioni del deposito giudiziario “non riflettono i valori” della federazione.

Le scuse non sono bastate. “La mia unica e sola missione è sempre stata quella di fare il meglio per la federazione, ed mi è diventato chiaro che il meglio in questo momento è un nuova direzione” si legge nella lettera di dimissioni di Cordeiro.

Nella lettera, l’ormai ex presidente a proposito delle argomentazioni e del linguaggio contenuto nel deposito giudiziario di questa settimana ha dichiarato: “Non ho avuto l’opportunità di rivedere totalmente il deposito nella sua totalità prima che fosse presentato, e mi prendo la responsabilità di non averlo fatto. Se l’avessi fatto, avrei disapprovato il linguaggio, che non riflette la mia personale ammirazione per le nostre calciatrici o i nostri valori come organizzazione”.

La decisione di Cordeiro arriva dopo che anche diverse ex calciatrici della Uswnt, come Michelle Akers, Abby Wambach e Heather O’Reilly si erano espresse sui social in favore delle dimissioni.

Dopo la notizia delle dimissioni di Cordeiro, la portavoce della Uswnt Molly Levinson ha dichiarato che “la cultura e le politiche sessiste supervisionate da Carlos Cordeiro sono state approvate per anni dal consiglio di amministrazione della USSF. Questa istituzione deve cambiare, sostenere e pagare equamente le giocatrici”.

A favore non solo delle dimissioni di Cordeiro, ma anche di tutti i membri del consiglio della US Soccer, è Rocco Commisso, presidente della Fiorentina e del New York Cosmos, che dal 2017 sostiene la necessità di “una pulizia della US Soccer”.

Cordeiro era stato eletto presidente della US Soccer, con mandato quadriennale, il 10 febbraio 2018, dopo essere stato vicepresidente sotto Sunil Gulati.

Le dimissioni avranno effetto immediato, con la carica di presidente che verrà occupata, fino all’incontro generale del febbraio 2021, dalla vicepresidente Cindy Parlow Cone, ex calciatrice statunitense che ha indossato la maglia della nazionale dal 1995 al 2006.

Martina Pozzoli