Media gol da record per Cecilia Marcos, attaccante classe 2001 della Real Sociedad, protagonista delle ultime settimane nella Primera Iberdrola

Tre reti in 56 minuti di gioco, una ogni 18 minuti. Questo è l’incredibile bilancio di Cecilia Marcos, astro nascente della Real Sociedad. Cresciuta nella cantera della società basca, ha esordito in Primera Iberdrola, massima divisione spagnola, il 14 Dicembre 2019 contro il Logrono. In nove minuti è riuscita solo ad assaporare le sensazioni del calcio delle grandi, per lasciare la sua definitiva esplosione al 2020.

Un mese e mezzo dopo al 74′ della sfida contro l’Espanyol viene scelta da coach Gonzalo Arconada per entrare in campo. Le avversarie avevano appena accorciato le distanze, portandosi sul 2-1 dopo le reti basche di Nahikari Garcia e Nuria Mendoza. Passano 12 minuti e realizza il suo primo timbro: veloce ad attaccare la profondità e scavetto mancino al portiere in uscita. Appena si gonfia la rete le sue compagne la raggiungono per festeggiare e il pubblico casalingo si alza in piedi per la sua canterana.

La scorsa settimana la Real Sociedad ha dovuto affrontare un trittico di gare importanti. Dopo aver perso il derby basco contro l’Athletic Bilbao, in cui Cecilia è rimasta in panchina, le vincitrici della scorsa Copa de la Reina dovevano recuperare la difficile sfida contro il Deportivo de la Coruna. Con il punteggio di 3-2 per le avversarie, Cecilia entra in campo per sostituire la storica Marta Cardona al 77′. A cinque giri di orologio dal termine della gara, tutte le sue compagne entrano in area per colpire di testa sul calcio d’angolo. Lei, che propriamente alta e strutturata non è, rimane al limite dei sedici metri, da lì è la prima ad arrivare sulla ribattuta lunga e calciare in rete dopo un ottimo controllo di suola.

A far gol decisivi ci si prende gusto. Tre giorni dopo parte nuovamente in panchina nella sfida contro il Granadilla Tenerife. Scatta il settantesimo e Cecilia sa che arriverà il suo momento. La Real fatica a chiudere le partite e a pochi minuti dal termine il punteggio è ancora bloccato a reti inviolate. Nonostante come detto in precedenza la diciannovenne basca non sia propriamente alta come Wendie Renard, è riuscita a siglare una rete di testa “alla Cristiana Girelli”. Il cross dal fondo di Cardona supera il diretto marcatore di Cecilia che colpisce ottimamente e realizza il suo terzo gol in Liga Iberdrola, decisivo per i tre punti finali.

Dopo i tre gol in 56 minuti l’allenatore non può più considerare Cecilia come una semplice giovane riserva. Domenica dovranno scontrarsi con le campionesse di Spagna in carica dell’Atletico Madrid e lo faranno senza Iraia Iparragirre, squalificato, e con Nahikari Garcia in dubbio. Nahikari è il capitano, stella e riferimento offensivo della squadra da diverso tempo, ma nel corso di quest’ultima stagione ha subito differenti infortuni. Chissà che in questo momento di difficoltà fisica della leader storica non sia proprio la giovane Cecilia a prenderne il testimone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA