Giocare nella corazzata dell’Olympique Lyonnais comporta essere sempre al top per conquistare titoli, siamo essi di squadra o individuali. Questo lo sa bene Saki Kumagai che, in contemporanea con il Pallone d’Oro, è stata nominata giocatrice Asiatica dell’anno.

La nipponica non è nuova a vincere trofei importanti. Oltre alle 4 Women’s Champions League conquistate con il Lione, quella del 2016 da vera protagonista, nel suo palmares c’è anche il Mondiale del 2011. In quella manifestazione, una ventenne Kumagai senza paura si incaricò di battere il rigore decisivo, in finale contro gli Stati Uniti. La giocatrice nipponica inoltre può vantare, anche, un argento olimpico a Londra 2012 e un secondo posto al Mondiale canadese del 2015.

Kumagai può ricoprire sia la posizione di difensore centrale che di centrocampista, agendo davanti alla linea a 4 di difesa. Nel Lione diretto da Pedrosa, agiva solitamente da centrocampista arretrata, utilizzata soprattutto in fase di impostazione e di protezione.

Con il cambio di panchina da parte del club francese, la nipponica si trova in una posizione più avanzata, contribuendo, anche, alla fase di rifinitura e realizzativa. Con il nuovo tipo di gioco è stata decisiva in molte occasioni, in particolare nel big match contro il PSG, dove ha realizzato il gol vittoria.

Nel nazionale giapponese gioca da centrale di difesa. Ai recenti mondiali in Francia nkn ha brillato e il Giappone ha dovuto arrendersi all’Olanda negli ottavi di finale.
“C’è rammarico per questo Mondiale, ma siamo una squadra giovane e sicuramente da questa esperienza possiamo solo migliorare”, queste le parole della calciatrice, dopo la conquista del premio, fiduciosa del fatto che nella prossima competizione internazionale sicuramente il Giappone potrà arrivare lontano.

Il premio di miglior giocatrice asiatica è un riconoscimento meritato per Kumagai che con la sua leadership “silenziosa” e il suo atteggiamento sempre tranquillo e volto a migliorare, è una delle trascinatrici del Lione.

Valentina Marrè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *