Tetto salariale, contratti e allocation money: le novità della NWSL per rafforzare “la leadership nel calcio femminile”

Archiviata la stagione 2019, la Nwsl è già proiettata alla stagione 2020. Con il nuovo anno verranno introdotte delle importanti novità dal punto di vista del tetto salariale, dei contratti, dell’allocation money e non solo.

“Questo è un passo importante nella crescita del campionato da cui trarranno vantaggio tutte le giocatrici attuali e future della Nwsl” ha dichiarato Amanda Duffy, presidente della Nwsl “E questi cambiamenti rafforzeranno ulteriormente la leadership della Nwsl nel calcio femminile”.

Il primo grande cambiamento riguarda l’aumento del tetto salariale per la stagione 2020, fissato a 650 mila dollari, facendo segnare un aumento del 19,33% rispetto allo scorso anno: il massimo salariale sarà di 50 mila dollari (invece dei 46 200 del 2019), quello minimo di 20 mila (contro i 16 538 del 2019).

La grande novità riguarda l’introduzione dell’allocation money, ovvero di finanziamenti che permettono alle squadre della Nwsl di pagare top-player superando il tetto dei 50 mila dollari. Ogni club disporrà di 300 mila dollari in allocation money, che potranno essere spesi per giocatrici che rispondono a diversi criteri tra cui essere inserita nella Nwsl Best XI o Second Best XI, aver vinto Nwsl MVP, Golden Boot, Rookie of the Year o Defender of the Year di una delle due precedenti stagioni.

I 300 mila dollari di allocation money potranno essere usati anche per pagare i trasferimenti di giocatrici provenienti da campionati stranieri. Non è stato fissato un limite per il numero di trasferimenti per ogni stagione, ma i club non devono superare il budget. Le squadre possono anche vendere le proprie calciatrici ai club al di fuori della Nwsl, ad eccezione delle giocatrici americane sotto contratto con la federazione (le cosiddette Us Allocated players).

Altra novità riguarda i contratti delle giocatrici. Con la stagione 2020 non ci saranno limiti sul numero di contratti “garantiti”, ma tutti i contratti delle giocatrici internazionali e i contratti che utilizzano l’allocation money dovranno essere “garantiti”. D’ora in avanti, inoltre, i club potranno sottoporre le calciatrici a contratti pluriennali fino a un massimo di 3 anni con opzione per un altro anno.

Tutti i club dovranno fornire un alloggio adeguato per le calciatrici della squadra maggiore e per le 4 giocatrici supplementari aggregate alla prima squadra. L’alloggio può essere fornito sotto forma di appartamento individuale o condiviso con altre compagne di club o garantendo alle calciatrici uno stipendio adeguato a coprire le spese per l’alloggio.

Sarà introdotta anche la discovery list, ovvero una lista di giocatrici a cui un club è interessato ma che non ha ancora messo sotto contratto. Il numero di calciatrici che una squadra può avere nella discovery list è 3, ma può salire fino a 7 durante la off season (nel periodo tra il giorno dopo la Nwsl Championship Final e il giorno prima dell’inizio della regular season dell’anno successivo).

Martina Pozzoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *