L’attaccante australiana Sam Kerr ha deciso di non tornare in W-League e nel suo futuro c’è l’Europa

Sam Kerr non giocherà nel campionato australiano, la W-League. La decisione della 26enne è stata confermata anche da Greg O’Rourke, capo della W-League.

Sull’attaccante dei Chicago Red Stars c’è l’interesse dei grandi club europei. Kerr già in passato aveva espresso il desiderio di provare una nuova esperienza nel vecchio continente.

Tra le possibili destinazioni, quella più probabile sembra essere il Chelsea. La dirigenza delle Blues l’aveva già cercata lo scorso anno, ma Kerr aveva rifiutato per tornare al Perth Glory, nella W-League. La motivazione era stata anche dettata dal contratto offerto dalla lega australiana alla giocatrice, 400 mila dollari australiani, ben 245 mila euro.

Sempre nella scorsa stagione il capitano delle Matildas aveva detto no a Barcellona.

A Kerr era stato offerto un contratto del valore compreso tra i 120 mila e i 180 mila euro, sia da parte dei Blues che dei blaugrana.

Quest’anno la stella australiana ha firmato un contratto con il colosso dell’abbigliamento sportivo Nike del valore di 1 milione a stagione.

Altra opzione possibile è il Lione, dove Kerr andrebbe a formare con Ada Hegerberg la coppia del gol probabilmente più forte del pianeta.

Qualunque sarà la destinazione, Sam Kerr è pronta a diventare l’incubo di portieri e difensori di uno dei maggiori campionati europei.

Martina Pozzoli