Tutto esaurito al nuovo nuovo Estadi Johan Cruyff per Barça-Atletico, ma la partita non ha ancora copertura televisiva

Ad appena tre giornate dall’inizio della stagione, la Primera Iberdrola è già a un primo punto di svolta. Questo sabato, infatti, il Barça ospita le campionesse incarica dell’Altetico Madrid in uno stadio, il nuovo Estadi Johan Cruyff, tutto esaurito, con i 6 000 biglietti in vendita esauriti in tempo di record.

Le due squadre arrivano allo scontro diretto già distanziate da due punti. Il Barça, infatti, è fermo a quota 4 punti: dopo la vittoria per 9-1 nell’esordio assoluto al Johan Cruyff, contro il Tacon alla prima giornata, lo scorso weekend le vicecampionesse d’Europa non sono andate oltre l’1-1 in casa del Rayo Vallecano.

L’Atletico Madrid, invece, è in testa alla classifica a punteggio pieno, con 6 punti, frutto delle vittorie contro Huelva (0-1) e Siviglia (3-0).

Il match vede contrapposto il miglior attacco, quello blaugrana con 10 gol realizzati, e la miglior difesa, quella madrilena che non ha collezionato due clean sheets.

In casa Barcellona sono diverse le giocatrici con un passato, anche piuttosto recente, a Madrid: Jenni Hermoso, Mapi Leon, Andrea Pereira e Andrea Falcon. Tra le fila madrilene, invece, ad aver indossato la maglia del Barça sono state Toni Duggan, Kenti Robles, Virginia Torrecilla e Olga Garcia.

La partita, al momento, non ha copertura televisiva. Per questa stagione la gestione dei diritti audiovisivi della Liga era stata affidata a Mediapro, ma attualmente è in atto una guerra televisiva tra LaLiga e RFEF (Federcalcio spagnola) che sta impedendo l’adempimento degli impegni presi da Mediapro.

Dopo due giornate, la classifica vede Deportivo a quota 6 punti, secondo in classifica per minor differenza reti rispetto all’Atletico. Seguono, a 4 punti, oltre al già citato Barcellona, Logroño, Valencia e Levante. A quota 3 si attestano Siviglia, Athletic, Madrid FC, CD Tacon. A seguire Real Sociedad con 2 punti e Rayo Vallecano e UD Granadilla Tenerife a 1. Ancora a 0 Real Betis, Huelva ed Espanyol.

Martina Pozzoli