Una ricerca inglese ha stimato l’impatto della Coppa del Mondo sulla crescita del calcio femminile in Inghilterra.

I Mondiali di Francia 2019 hanno segnato uno spartiacque nella storia del calcio femminile.

Barclays, sponsor della WSL, massimo campionato inglese, e YouGov, compagnia di raccolta dati, hanno pubblicato uno studio secondo cui un terzo degli adulti intervistati si considera interessato al calcio femminile, il 69% pensa che meriterebbe lo stesso trattamento del maschile e il 28% delle persone che hanno seguito i Mondiali sta diventando assiduo fan.

Le capacità tecniche delle giocatrici impressiona chi si affaccia al calcio femminile: il 46% delle persone che è stata ad una partita afferma di essere sorpreso da quanto fosse professionale e il 74% sostiene sia sottovalutato.

La Football Association, federazione calcistica inglese, sta lavorando per trasferire l’interesse mostrato verso la Nazionale alle società di club.

Tra le iniziative principali è prevista la disputa dei derby di Manchester e Londra all’Etihad Stadium e Stamford Bridge, stadi delle squadra maschili, nel weekend di apertura del campionato.

Inoltre è stato introdotto il “weekend del calcio femminile”, previsto per il weekend del 16/17 Novembre in occasione dello stop della Premier League maschile.

Barclays ha investito circa 18 milioni di sterline nella crescita del movimento. Una parte della cifra destinata la Football Association verrà impiegata a rendere il calcio disponibile per tutte le ragazze nelle scuole (6000) entro il 2024.

La volontà è quella di ampliare il bacino di giovani calciatrici ed evitare che alle bambine venga impedito di giocare a calcio, come accaduto al 75% delle donne interessate a questo sport.

Queste donne stanno rispondendo ora a questa “esclusione” del passato. Il sito di prenotazione di campi da calcio Playfinder ha rivelato un aumento del 204% delle richieste per il calcio femminile avvenuto da otto settimane precedenti alla Coppa del Mondo alle otto successive all’inzio.

Laura Brambilla