L’attaccante dell’Australia Sam Kerr è una delle protagoniste della FIFA Women’s World Cup ed è considerata una delle più forti calciatrici al mondo

Alla vigilia dei Mondiali, Sam Kerr era una delle stelle più attese. Tutti volevano vedere all’opera la calciatrice designata per prendere il trono di Marta, come giocatrice più forte di tutte, Hegerberg permettendo.

Pronti, via e la sua Australia perde la prima partita contro l’Italia. L’attaccante delle Matildas segna un goal su rigore, ma non basta per evitare una serie di critiche.

Dalla giocatrice che detiene il record di goal segnati sia nel campionato statunitense che australiano, il pubblico si aspetta di più. La 25enne, nata a East Fremantle in Western Australian, può vantare anche il record di goal segnati in nazionale: 36 in 80 presenze.

In Australia, il videogioco FIFA 2019, ha attribuito a Sam Kerr il livello di “rate” più alto tra tutte le calciatrici. Il Suo livello è 89, addirittura più alto di quello di Mohamed Salah (88).

Nella seconda partita del girone l’Australia rischia grosso. Sotto di due goal col Brasile, Kerr e compagne riescono a ribaltare il match, vincendo 3-2. La stella dei Chicago Red Stars non segna ma va vicina al goal in un paio di occasioni.

Stanca delle critiche Kerr risponde anche in malo modo a chi contesta lei e la sua squadra, per poi rispondere ampiamente sul campo nell’ultimo match del Girone C.

Contro la Giamaica infatti, la numero 20 delle Matildas, segna quattro reti diventando la decima persona a siglare un poker in una gara dei Mondiali, considerando anche la Coppa del Mondo maschile.

Agli ottavi di finale l’Australia incontrerà la Norvegia e Sam Kerr è pronta a scendere in campo, ma state pur certi che non dovrà dimostrare nulla a nessuno. La sua classe, unità alle doti di rapidità e intuito che possiede, fanno di lei una fuoriclasse da Pallone d’Oro.

Giuseppe Berardi