Il social network Instagram è il più utilizzato dalle calciatrici.
La crescita del calcio femminile dal punto di vista mediatico, ha avuto l’effetto di aumentare la fama e la popolarità delle giocatrici e di conseguenza il loro appeal.

L’evento globale della Coppa del Mondo, ma ancor prima l’ingresso dei club calcistici maschili avvenuto in Italia, hanno fatto incrementatare in maniera considerevole il numero di follower sugli account delle calciatrici.

Un boom che non è sfuggito agli sponsor, a quei brand che sono sempre alla ricerca di nuovi modelli di influencer per raggiungere un pubblico sempre più ampio.

Le calciatrici sono oggi icone a cui tante bambine e ragazze si ispirano: sono glamour, piacciono per la loro semplicità e disponibilità e veicolano valori positivi.

Non necessariamente occorre avere milioni di follower per essere influencer. Sempre più importanza stanno assumendo i micro-influencer, seguiti perchè hanno competenze in un settore specifico e risultano particolarmente affidabili e credibili rispetto ai grossi nomi.

Su Instagram l’83,9% dei contenuti con hashtag #ad sono postati dalle donne, che rappresentano il 58% degli utenti totali*.

Nell’ultimo anno abbiamo assistito ad una crescita esponenziale del numero di post sponsorizzati su Instagram da parte delle più famose calciatrici. I numeri e le analisi ci dicono che questo è un fenomeno che crescerà ulteriormente dopo i Mondiali.

Le aziende puntano molto sulle calciatrici/influencer perchè il 74% degli utenti si lascia guidare dai social network nel processo decisionale di acquisto. La comunicazione digitale 1to1 ha il vantaggio di creare legami duraturi con i fan.

All’influencer viene sempre di più chiesto di definire i trend del settore e guidare le percezioni degli utenti.

I post sponsorizzati creati per i brand da un influencer tendono ad avere un tasso di engagement maggiore

Una analisi condotta da Nielsen Sports ha dimostrato che un contenuto sponsorizzato, creato da un influencer, genera un social media value più alto dell’80%.

Ma quali sono i marchi che investono di più nel calcio femminile e sulle sue protagoniste?

In cima troviamo le aziende di abbigliamento sportivo che, nell’anno della FIFA Women’s World Cup, hanno ideato campagne marketing su larga scala, con un focus particolare sui social network.

L’esempio più lampante è quello di Nike con la campagna Dream With Us con protagonista assoluta la nazionale di calcio femminile degli stati Uniti.

Altri brand, che puntano molto sul calcio in ros,a sono quelli che operano nel settore alimentare/nutrizionale, cosmetico e della cura della bellezza, della moda, ma anche i colossi dell’energia, dell’automotive, delle telecomunicazioni, del beverage, considerati nel mercato delle sponsorizzazioni dei top spender, strizzano l’occhio alle nuove eroine dello sport mondiale.

Chi sono in Italia le calciatrici più seguite su Instagram?

La classifica delle italiane è dominata dalla atlete della nazionale più Regina Baresi.
Al primo posto troviamo Barbara Bonansea con 153 mila follower**. Dietro di lei Martina Rosucci con 123,2 mila e Regina Baresi con 105 mila . Al quarto posto troviamo Cristiana Girelli e Sara Gama entrambe con 82,3 mila follower.
Leggermente più staccate ci sono Laura Guliani e Manuela Giugliano, rispettivamente con 71,1 e 70,7 mila seguaci.

Leggi l’analisi di L Football sulla crescita dei follower delle atlete della nazionale con la classifica delle giocatrici più seguite.

Giuseppe Berardi

*Fonte dati Nielsen Sports
** Dati rilevati il 21/06/2019
Foto: profili instagram di Manuela Giugliano, Barbara Bonansea e Cristiana Girelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *