Una tripletta di Cristiana Girelli e due goal di Galli stendono la Giamaica. Le Azzurre sono ora al comando del Gruppo C in solitaria

Dopo i tre punti conquistati con l’Australia e la sconfitta di ieri del Brasile, le Azzurre conoscevano bene il valore e l’importanza di questo match.
A Reims le aspettative che pesavano sulle spalle dell’Italia erano altissime e non sono state minimamente disattese.

Vince e convince ancora la Nazionale azzurra guadagnandosi di diritto il pass per gli ottavi di finale ed il grande sogno, che potrebbe concretizzarsi a Valenciennes il 18 Giugno vincendo contro il Brasile, di chiudere il gruppo C al primo posto.

Contraddicendo il detto “squadra che vince non si cambia” Milena Bertolini decide di stravolgere l’assetto iniziale italiano: Guagni torna nella sua naturale posizione di terzino destro, Bergamaschi viene traslata in posizione più offensiva nel quartetto di centrocampo, Bartoli rientra tra le undici titolari guadagnandosi la fascia sinistra e Sabatino va a completare il duo di attacco con Girelli.

Allo Stade Auguste – Delaune di Reims, il tema tattico dei novanta minuti è chiaro sin dall’inizio: la Giamaica sfrutterà la velocità e la pressione alta delle sue mentre l’Italia cercherà una manovra più strutturata e lineare, passando per la qualità di Cernoia e Giugliano.

Primo guizzo italiano al 4’ con un’ispirata Barbara Bonansea che in cerca della terza gloria personale del torneo calcia dai 20 metri trovando però pronta Schneider che blocca la sfera senza troppi grattacapi.

Continua a spingere forte la squadra azzurra con un ottimo cambio di gioco proveniente dalla destra che trova ancora Bonansea sul lato sinistro dell’area di rigore, tentativo di cross basso al centro della juventina che viene però neutralizzato da un ottima diagonale di Blackwood.
Al 9’ c’è un intervento dubbio in scivolata di A. Swaby sulla 11 azzurra che cadendo in area di rigore porta la neozelandese Keighley Anna-Marie ad affidarsi al Var check per un possibile rigore: l’attesa è breve e dolce, rigore per l’Italia.

Girelli fredda sul pallone, Schneider intuisce l’angolo e para mandando la palla in angolo ma sorprendentemente c’è un secondo Var check per un movimento anticipato prima della battuta della stessa numero 1 giamaicana.
Di nuovo scontro Girelli-Schneider dal dischetto ma questa volta palla da un lato e portiere dall’altro: al 12’ è 1-0 Italia.

Al 25’ l’Italia si porta sul doppio vantaggio: corner di Giugliano dalla destra, Sabatino e Bonansea creano spazio a centro area attaccando il primo palo e lasciando il varco giusto a Girelli che aiutata anche da un po’ di fortuna, colpisce con la coscia ed insacca di nuovo.
Non c’è un attimo di tregua però: al 27’ ancora angolo battuto da Giugliano questa volta dalla sinistra, batti e ribatti in area che trova libera Sabatino, dal suo destro parte un missile terra-aria che si infrange sulla traversa.
Si fa vedere però anche la Giamaica: Adamolekun calcia dalla destra e per poco non impensierisce Giuliani che aiutata anche da Gama salva in extremis.

Dagli sviluppi del calcio d’angolo successivo ci prova Grey con un tiro da fuori area che finisce però sul fondo alla sinistra del portiere azzurro.
L’Italia è ancora insidiosa su calcio d’angolo, è Sabatino che per ben due volte colpisce ma non inquadra la porta.
Si va al riposo con l’Italia avanti 2-0.

Il secondo tempo si apre immediatamente con il terzo gol azzurro, passano appena 30” quando è Bergamaschi a lavorare un ottimo pallone sulla destra, palla affidata per l’ennesima volta al piede dolcissimo di Manuela Giugliano, la centrocampista del Milan pesca in area ancora Girelli che complice un’uscita poco felice di Schneider sigla il 3 a 0.
Al 56’ primo cambio per Bertolini: Boattin al posto di Guagni.

Al 57’ primo vero brivido per l’Italia: rischia nella sua area di rigore Giuliani che perde palla, Shaw viene però fermata sul più bello da un recupero difensivo magistrale di Giugliano che salva la porta azzurra.
Al 64’ altro giro di cambi: Galli per Bergamaschi e Brown per Grey.
Al 68’ traversa colpita dalla Giamaica con Blackwood che per poco non sorprende Giuliani con un tiro cross velenoso proveniente dalla sinistra.
Poker dell’Italia con la neo entrata Galli: servita bene dalla sua compagna di squadra Boattin, stoppa la palla verso la porta, carica il suo destro e lascia partire un tiro imprendibile per l’estremo difensore giamaicano, palla sotto il sette.

Al 72’ ultimo cambio Italia: esce la protagonista del match Cristiana Girelli ed entra Valentina Giacinti.
Seconda gioia personale per Aurora Galli che approfitta dell’ennesimo passaggio illuminante di Giugliano, dribbling su Schneider e palla nel sacco per la quinta volta.

Gli ultimi dieci minuti scorrono in maniera veloce senza ulteriori emozioni da aggiungere alle tantissime vissute precedentemente.
Funziona bene, come con l’Australia, in fase d’attacco questo continuo andirivieni delle due punte che lasciano grandi praterie per le costanti sgaloppate di Bonansea a sinistra e Bergamaschi a destra, imbeccate perfettamente dalle splendide visioni di gioco del duetto di centrocampo.

La fase difensiva italiana ha dimostrato oggi grande organizzazione: le quattro di difesa infatti, memori anche delle sofferenze causate dai continui inserimenti delle giocatrici australiane, riescono ad arginare la velocità delle giamaicane mostrando una tattica individuale impeccabile e non facendosi mai trovare in ritardo sulle verticalizzazioni delle Reggae Girlz.
Ottime dunque le conclusioni che Bertolini può trarre da questa seconda vittoria: solidità difensiva crescente minuto dopo minuto, meccanismi offensivi che funzionano sempre più, i tanti schemi da calcio piazzato sfruttati in maniera minuziosa e soprattutto uno spirito di sacrificio encomiabile, dove non arriva una si può star certi che arriverà un’altra in aiuto.

Adesso non ci resta che aspettare a cuore leggero gli sviluppi di classifica dei restanti gironi e soprattutto il nostro big match con il Brasile nel quale ci giocheremo, con la consapevolezza di esserne all’altezza, il primo posto che vorrebbe dire sorteggio maggiormente favorevole nella la fase successiva.
“Siete riuscite nell’intento più difficile, avete unito ed emozionato tutti quanti”: è proprio da questa frase di Daniele De Rossi che vogliamo, ora più che mai, sognare tutti insieme per andarci a prendere le grandi emozioni che questo Mondiale può ancora regalarci.

GIAMAICA – ITALIA 0-5
Girelli 12’, 25’, 46’; Galli 72’, 81’.

GIAMAICA (4-4-2): Schneider; C. Swaby, Plummer, Solaun, Asher; Shaw, Campbell, Blackwood, A. Swaby; Adamolekun; Grey. All.: Hue Menzies.

ITALIA (4-4-2): Giuliani; Guagni, Gama, Linari, Bartoli; Bergamaschi, Giugliano, Cernoia, Bonansea; Girelli, Sabatino. All.: Milena Bertolini.

Federica Iannucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *