Torna la rubrica Wonderkid, alla scoperta dei migliori talenti del calcio femminile al di sotto dei 20 anni.

L’Italia è notoriamente patria di eccellenti difensori centrali. Dal maschile al femminile, il Belpaese produce da sempre i migliori giocatori in questo ruolo. Basti pensare ai due capitani delle massime selezioni Azzurre, Giorgio Chiellini e Sara Gama, entrambi rocciosi difensori dalla grande personalità.

Tra i campi di Coverciano e dei diversi centri di preparazione il settore tecnico italiano sta formando i Chiellini e le Gama del futuro, per non perdere la retta via di “professori” del ruolo in tutto il mondo.

Per quanto riguarda il calcio femminile, oltre a capitan Gama meritano una citazione Cecilia Salvai ed Elena Linari, ex compagne di squadra a Brescia prima di trasferirsi rispettivamente a Torino e Madrid. I pilastri della Nazionale maggiore fungono da punti di riferimento per le nuove generazioni di calciatrici, in particolare per coloro che occupano gli stessi metri quadrati in campo.

Se un elemento importante della Nazionale del futuro potrebbe essere Alice Tortelli, già convocata da Milena Bertolini e stabilmente in Under 23, vogliamo andare ancora più in là e immaginarci chi potrà giocare al fianco di Gama, Salvai e Linari tra un quinquennio.

Tra i difensori del futuro abbiamo scelto Heden Corrado, classe 2002 della AS Roma. Corrado rappresenta il prototipo di difensore centrale moderno: sicuro in fase di costruzione, sempre con la testa alta e precisa tecnicamente.

Sa difendere, eccome se sa difendere! Sfrutta il suo metro e settantatre centimetri per battagliare contro avversarie più esperte, mostrando anche buona progressione in corsa. Oltre a spiccate doti tecnico-tattiche, ciò che colpisce maggiormente della “piccola” romana è l’aspetto caratteriale. Guida la difesa come se giocasse in Serie A da un decennio e sostiene le compagne ad ogni errore.

Le sue caratteristiche sono molto riconducibili a quelle di Salvai, calciatrice preferita da Corrado insieme a Cristiana Girelli. Entrambe della Juventus, sua squadra del cuore nonostante una vita in giallorosso. Nel maschile il suo modello è Sergio Ramos, da cui ha preso indiscutibilmente la grande personalità e l’abilità di vestire la fascia da capitano.

Nonostante la giovane età, Corrado ha già disputato 15 gare in Serie A, di cui 6 da titolare. La sua precocità si è manifestata anche con la Nazionale azzurra, esordendo in Under 17 a 15 anni, 1 mese e 24 giorni in amichevole contro gli Stati Uniti. E’ stata il punto fermo del biennio 2018-2019 per la selezione guidata prima da Massimo Migliorini e poi da Nazarena Grilli.

Nel futuro prossimo di Heden Corrado ci saranno le maglie a tinte giallorosse e azzurre. Per la prima solo il calciomercato saprà dirci per quanto tempo la Wonderkid romana rimarrà sotto l’ombra del colosseo.

La speranza è che un simile talento trovi continuità nel massimo campionato nazionale, anche per evitare eventuali sirene estere. La certezza rimane il percorso con la Nazionale italiana. Dopo la recente eliminazione contro la Danimarca, dal pre-raduno di Giugno Corrado entrerà a far parte della nuova Under 19 di Enrico Sbardella.

Un altro step verso il suo più grande obiettivo personale: essere convocata nella Nazionale Maggiore. Il percorso verso il posto a fianco di capitan Gama è iniziato da qualche anno ed Heden Corrado vuole continuare a bruciare le tappe.