Un successo contro il Brighton garantirebbe all’Arsenal Women il successo nella Women’s Super League. Kim Little: “Sappiamo che dobbiamo giocare bene se non vogliamo rimandare tutto all’ultima giornata”

Nella penultima giornata della FA WSL, gli occhi saranno puntati principalmente sull’Arsenal Women. A Brighton il club londinese ha la possibilità di diventare campione d’Inghilterra dopo sette anni dall’ultima volta.

Proprio per il lungo lasso di tempo trascorso dall’ultimo successo, il capitano delle gunners, Kim Little, in una intervista al The Guardian, ha definito la vittoria del campionato come “una delle priorità, insieme al ritorno in Champions League”.

Con la qualificazione alla prossima edizione del torneo continentale già ottenuta, Little e compagne vogliono “finire la stagione vincendo un trofeo”.

Alle ragazze guidate da Joe Montemurro, infatti, servono i tre punti per evitare di rimandare il verdetto all’ultima giornata, nello scontro di vertice con il Manchester City, dirette inseguitrici a quattro punto di distanza.

“È merito di tutte le singole giocatrici e del nostro staff se siamo arrivate a questo punto”, ha dichiarato Little, che ritiene che la chiave di questa stagione siano state “la mentalità che abbiamo avuto, la voglia di avere successo e la determinazione di prendersi i tre punti anche quando abbiamo giocato non nel modo in cui avremmo voluto”.

Nonostante il terzultimo posto, il Brighton non è una squadra da sottovalutare. Lo sa bene Little che ha detto: “Siamo ben consapevoli che loro possono essere una minaccia e dobbiamo essere al meglio per vincere”.
Il Manchester City, invece, per sperare di vincere il titolo deve battere Yeovil Town, fanalino di coda, e sperare in un passo falso della capolista.

Le altre sfide del weekend sono: Birmingham City-Liverpool, Everton-Reading e Bristol City Women-West Ham United.

Martina Pozzoli