Fin dall’inizio si è parlato di un campionato di Serie A 2018/2019 che si preannunciava molto combattuto ed avvincente, come non capitava da anni.

Ebbene sì, a 5 giornate dal termine non si può proprio dire che le aspettative siano state deluse. Tutt’altro, ci troviamo infatti in piena lotta a 3 tra Juventus, Fiorentina e Milan in vetta alla classifica per aggiudicarsi il tricolore e i due posti in Champions League.

Nelle retrovie la guerra non è certo più dolce. Tutte ancora in corsa per la salvezza, le squadre di fondo classifica ci regaleranno battaglie all’ultimo respiro per la permanenza nella massima serie.
Ma vediamo ora con alcuni numeri cosa possiamo aspettarci da queste ultime avvincenti giornate.

Cominciamo ad analizzare alcuni primati in pillole.

Apre le danze la Prima della classe Madama Juventus.
In questa stagione la vecchia signora non ha mai perso in casa, anzi ha fatto ancor meglio, ha vinto quasi tutte le gare giocate in terreno amico.
Quasi?! Ebbene si! Unico pareggio (1-1) contro l’Atalanta Mozzanica.

Il caso è curioso perché la Juventus dei record in tutta la sua storia incappa soltanto in 2 pareggi ed entrambi ad opera delle tenaci atalantine, ufficialmente etichettate come la bestia nera delle bianconere.

Le ragazze allenate da coach Guarino stampano un altro record ed è quello che identifica la grande squadra: miglior difesa. Le bianconere hanno subito fin’ora soltanto 5 gol, di cui 3 in una sola partita contro il Milan. La difesa della Juventus è pazzesca soprattutto se si guarda i “famosi“ clean sheet ( gare senza subire gol).

Sono 14 le partite in cui la rete delle bianconere resta inviolata, davanti a Fiorentina con 11 e Atalanta Mozzanica (8), che si conferma tra i top team nella fase difensiva.

L’inseguitrice a -1 dalla capolista è La Fiorentina.
La tigre viola ha tanta fame e forza fisica. Vanta a mani basse il miglior attacco della serie A. Giocatrici micidiali come Bonetti, Mauro, Clelland, Guagni in 4 hanno fatto 40 gol. Ma non solo: se si tratta di ferire le viola sono senza pietà; è infatti la squadra che ha portato più giocatrici al gol ,13; davanti alla Roma, con 12 marcatrici e terza la Juventus con 11.

La sfida scudetto si prospetta essere dunque miglior attacco contro Miglior difesa, con il Milan degli equilibri pronto a fare la festa a entrambe.

Tutto è ancora possibile anche nelle retrovie. Il mercato di Gennaio infatti ha dato nuova linfa alle “piccole” che ora si faranno più grandi che mai. Vediamo come questi cambiamenti hanno cambiato gli equilibri della serie

Facendo un confronto tra le prime 6 giornate d’andata e le prime 6 giornate di ritorno.

Squadra 6° Andata 6° Ritorno Differenza
Milan 16 12 -4
Fiorentina 15 18 3
Juventus 13 16 3
Sassuolo 11 4 -7
Florentia 10 6 -4
Roma 7 15 8
Chievo 7 9 2
Verona 7 3 -4
Tavagnacco 7 3 -4
Atalanta 4 9 5
Orobica 3 1 -2
Bari 3 7 4

Ancora una volta l’Atalanta Mozzanica finisce sul podio, seconda. Con 5 punti in più dell’andata la Dea ha quasi certamente messo in cassaforte la salvezza, ma perché fermarsi qui.

Visto il momento di forma e le partite mancanti sia in chiave scudetto che in chiave salvezza le nerazzurre tenteranno di essere l’ago della bilancia di questa serie A fino alla fine.

Il premio MIGLIOR GIRONE DI RITORNO se lo aggiudica però la AS Roma. Con un sontuoso +8 rispetto alla andata le lupe blindano quasi certamente il 4 posto. Squadra giovane e promettente, mister Bavagnoli ha sicuramente creato un gruppo che può fare moltissimo. Peccato per l’incerto avvio di stagione, perché con i 15 punti realizzati sui 18 disponibili nel girone di ritorno, sarebbero stati in piena lotta scudetto… Promessa per la stagione 2019/2020.

Non si può non citare purtroppo il flop del Sassuolo con un pesantissimo -7 e il top della Pink Bari con un ottimo +4 in chiave salvezza.

Tavagnacco, Chievo ed Hellas Verona non possono certo dormire sonni tranquilli.

Che dire…Questa serie A di calcio femminile deve ancora rivelarci lo spettacolo migliore! Il meglio deve ancora venire!

Rouge Ruggero