Con il risultato di 2-0 la Juventus batte il Milan grazie a una doppietta di Barbara Bonansea e torna in testa alla classifica della Serie A Femminile

Allo stadio Silvio Piola di Vercelli è andato in scena la sfida tra Juventus e Milan valida per la diciassettesima giornata di Serie A Femminile.

Sugli spali oltre diemila spettatori, tra questi anche i dirigenti milanisti, Paolo Maldini e Leonardo.

Le due squadre sono scese in campo in formazione tipo. Bianconere schierate da Guarino con il 4-3-3 con in porta Bacic, linea difensiva formata da Hyryynen, Gama, Salvai e Boattin. A centrocampo Galli, Pedersen e Cernoia e in attacco il tridente Aluko-Girelli-Bonansea.

Carolina Morace risponde con il 4-2-3-1. Tra i pali Korenciova e in difesa Heroum, Fusetti, Mendes e Tucceri. In mezzo al campo Thaisa e Alborghetti a supporto di Giugliano e del terminale di attacco formato da Giacinti e Bergamaschi sui lati e da Sabatino al centro.

Dopo pochi secondi dal fischio di inizo, Juventus subito pericolosa con Aluko lanciata a rete che fa partire un potente diagonale che Korenciova devia sul palo.

I ritmi sono alti, si lotta su tutti i palloni. Pressing alto da parte delle biancoere che al 21° si rendono nuovamente pericolose sempre con Aluko. L’attaccante inglese a tu per tu con Korenciova batte a rete ma il numero 1 rossonero si supera, con una strepitosa parata ad una mano. Un riflesso pazzesco che salva la porta del Milan.

Due minuti dopo discesa di Tucceri sull’out di sinistra e mette dentro un pallone che attraversa tutta l’aria di rigore, ma Bergamaschi non riesce ad arrivare sul pallone.

Al 30 ennesimo duello Aluko-Korenciova: tiro di destro dalla distanza dell’attaccante della Juventus e il portiere rossonero si distende e respinge con la mano sinistra.

Quattro minuti dopo, Giacinti in area lotta su un pallone, riesce a girarsi di destro e calciare di sinistro, ma Bacic riesce a respingere.

La seconda frazione di gioco si apre con la Juventus più aggressiva. Al 51° Girelli sbaglia un rigore in movimento. Servita da Boattin in area, Girelli calcia alto il pallone.

Al 53° la gara si sblocca. Errore di Alborghetti sulla tre quarti rossonera che regala la palla a Bonansea, l’attaccante bianconere serve Girelli e il numero 10 bianconero chiude il triangolo con un assist al bacio lanciando la compagna verso la porta avversaria. Davanti a Korenciova, Bonansea non sbaglia e insacca il gol dell’1-0.

Il Milan accusa il colpo e il gol della Juventus dà ancora più carica alle ragazze allenate da coach Rita Guarino.

Bonansea è la giocatrice più pericolosa. Al 63° il numero 11 della Juventus effettua una mezza rovesciata che si stampa all’incrocio dei pali.

Sei minuti dopo lanciata sulla destra entra in area mette una palla pericoosa in area che Aluko non sfrutta.

Il Milan sembra non riuscire a replicare agli attacchi della Juventus. Morace manda in campo Marta Carissimi al posto di Bergamaschi al 79esimo.

All’85 Barbara Bonansea chiude il match. La giocatrice biaconera entra in area, dribbla l’avversaria e di destro supera il portiere.

All’87° cambio in casa Juventus. Esce Aluko ed entra Caruso.

Due minuti dopo standing ovation per la protagonista della partita Barbara Bonansea che esce, tra gli applausi dello stadio, per far posto a Benedetta Glionna.

La Juventus si è aggiudicata il match clou di giornata e torna in vetta alla classifica, con un puno di vantaggio sulla Fiorentina.

Giuseppe Berardi