In Spagna il calcio femminile sta crescendo ad un ritmo velocissimo e tutti si chiedono se prima o poi anche il Real Madrid entrerà in scena

Negli ultimi anni abbiamo assistito all’ingresso di tanti top club maschili nell’universo del calcio femminile. Le ultime società, in ordine di tempo, ad allestire una squadra di donne, sono state il Manchester United in Inghilterra, Milan, Roma e Inter in Italia.

In Spagna tutti si chiedono se primo o poi anche il Real Madrid formerà una squadra femminile. Gli addetti ai lavori discutono più che altro sui vantaggi che, un club così popolare nel mondo, potrebbe portare ad un movimento, quello del calcio femminile spagnolo, in pieno sviluppo.

Lo scorso anno Florentino Perez ha manifestato un certo interesse in merito all’idea di creare un team femminile, puntualizzato però che non vuole partire con grossi investimenti per acquisire le calciatrici più forti del pianeta. La sua idea consiste più che altro nell’avviare un progetto che parta dal calcio di base per sviluppare il settore giovanile. Anni prima si era parlato di un interessamento delle Merengues nei confronti del Club Deportivo Tacón per rilevarne il titolo sportivo.

Nel corso della recente Assemblea dei soci del Real Madrid, al presidente è stato nuovamente chiesto se fosse imminente il lancio di un team femminile ma Perez ha dribblato la domanda evitando di rispondere.

Jaume Roures, socio fondatore di Mediapro, uno dei più importanti gruppi audiovisivi spagnoli che gestisce i diritti di marketing e mediatici di eventi sportivi internazionali, non ha dubbi in merito: “Il Real Madrid permetterebbe al movimento di fare un enorme salto di qualità. All’estero ci sono migliaia di persone che assistono dal vivo alle partite di calcio femminile e presto, anche qui, sarà così”.

Di parere contrario è invece la calciatrice del Barcellona e della nazionale spagnola Alexia Putellas. La 24enne stella del calcio iberico, in una intervista a Goal.com dove le veniva chiesto cosa ne pensasse di un eventuale Clasico al femminile, ha risposto: “Il Real Madrid non è così necessario e importante. Il calcio femminile può andare avanti e crescere lo stesso anche senza di lui”.

La Spagna sta facendo grandi passi e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Le nazionali giovanili dominano le scene continentali e mondiali. Sono davvero tanti i talenti emergenti che si stanno ritagliando uno spazio importante nei rispettivi club, come Patri Guijarro, Claudia Pina, Eva Navarro.

In attesa di capire cosa farà il Real Madrid nella penisola iberica, in Italia, con l’Ingresso delle grandi società maschili, stiamo assistendo ad una crescita dal punto di vista mediatico. La visibilità è cresciuta sia in tv che sui giornali, ma anche sui social network. Il big match Milan – Juventus ha ottenuto ottimi dati su sky, con 125 mila utenti unici.

Con il Mondiale alle porte, che vedrà la nazionale Italiana ai nastri di partenza,  il nostro calcio femminile si sta ritagliando il suo spazio adeguandosi ai principali paesi europei. Spagna compresa, con o senza il Real Madrid.

Giuseppe Berardi