Domenica 25 novembre alle 12.30 allo stadio Bozzi di Firenze e in diretta su Sky Sport, Fiorentina e Juventus si affrontano in una gara che può essere già decisiva per le sorti del campionato.

La Fiorentina è il club dei pionieri. È stato il primo club maschile ad entrare nella serie A femminile. Ha tracciato la via. Ha modificato gli standard qualitativi del calcio femminile, migliorando la tecnica, la tattica, la comunicazione e la gestione del club. In tre anni e mezzo ha vinto tutto in Italia: scudetto, Coppa Italia e Supercoppa, condite da due terzi posti.

La Juventus è arrivata dopo. Ha seguito la via. Si è inserita nel solco tracciato dalla Fiorentina, elevando ulteriormente il livello. Ha portato un maggior interesse mediatico e nuove schiere di appassionati, tifosi e semplici curiosi. Ha vinto. Primo anno e primo scudetto conquistato.

Logico che una partita fra Fiorentina e Juventus non sia un normale incontro fra due squadre. Due top team, abituati a primeggiare e ad ambire a traguardi sempre più ambiziosi, danno sempre vita a una gara entusiasmante, una serie di sfide nella sfida.

L’incontro è molto sentito, soprattutto sulle sponde dell’Arno. Le due compagini sono concentrate e determinate a portare a casa l’intera posta. Un pareggio del resto, permetterebbe al Milan di allungare in classifica.

Diverso lo stato d’animo delle due squadre. La Viola sa che battendo la Juventus, potrebbe ambire alla prima posizione, in virtù della gara da recuperare contro il Bari. Le Bianconere non possono permettersi ulteriori passi falsi per non allontanarsi dalla vetta. Dopo la sconfitta con il Milan e il pareggio con l’Atalanta, solo una vittoria consentirebbe alla squadra di Guarino di non perdere ulteriore terreno.

Differente anche l’approccio alla gara da parte delle calciatrici espresso sui social. Fiero e battagliero quello delle ragazze viola: senso di appartenenza ai propri colori, alla città e alla squadra. Più allegre le ragazze juventine, ma comunque ben determinate a portare a casa il successo, in una gara considerata già decisiva.

In poco più di un anno sono già tre i precedenti fra le due squadre. Toscane in vantaggio con due vittorie; una per le Piemontesi. Nel match di andata dello scorso anno Martina Rosucci (grande assente per infortunio) decise la gara con una doppietta. La gara di ritorno dello scorso anno al Bozzi di Firenze è stata probabilmente la più emozionante. Ultimi 20 minuti al cardiopalma: il vantaggio di Mauro, il pareggio quasi immediato di Franssi e in pieno recupero l’autogoal di Salvai, che regala la vittoria alle Gigliate. L’ultima sfida poco più di un mese fa in Supercoppa: vittoria della Fiorentina, grazie al guizzo di Clelland che consegnò a Mauro la palla del goal vittoria.

Juventus e Fiorentina è anche una gara fra amiche e compagne di nazionale. Fra tutte è bello ricordare il bellissimo, lungo e commovente abbraccio fra Mauro e Girelli al termine della finale di Coppa Italia dello scorso anno. Ilaria che abbraccia un’inconsolabile Cristiana, al termine dell’avventura del Brescia.

Come però ha dichiarato Aurora Galli al Corriere della Sera Edizione Torino: “Domenica ci attendono alcune nostre compagne di Nazionale, ma in campionato non abbiamo colleghe, né amiche”. Per 90 minuti le ragazze metteranno da parte tutti i sentimenti di amicizia per riuscire a ottenere la vittoria.

Piccola curiosità: la Juventus è la squadra che fornisce più calciatrici alla nostra nazionale e in generale presenta almeno 7 giocatrici italiane nello schieramento iniziale. Più internazionale invece la formazione viola, che presenta anche 7 diverse nazionalità.

Interessante il confronto tra i due attacchi, entrambi molto prolifici. Girelli, Bonansea, Aluko da una parte; Mauro, Clelland e Bonetti dall’altra: tutte insieme hanno segnato più di 700 goal. Girelli è la miglior marcatrice bianconera con 170 reti in campionato. Bonetti la miglior viola a quota 153. Nella stagione in corso Bonansea e Clelland guidano la sfida con 6 reti, seguite da Aluko e Clelland a 5, Girelli a 4 e Mauro più attardata con sole 3 reti all’attivo.

Fiorentina- Juventus è anche scontro fra le migliori calciatrici AIC, premio che vede in lizza Bonansea, Girelli e capitan Guagni.

Domenica 25 novembre però è una giornata importante anche fuori dal campo: è la giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Anche per questo sarebbe stato meglio mettere a tacere alcuni beceri commenti apparsi sui social da parte di alcuni sedicenti tifosi, ancora incapaci di esprimere altro se non odio e violenza.

Sarebbe stato carino mettere da parte anche alcune sterili polemiche nate sulla designazione arbitrale. Alcune testate fiorentine contestano la scelta dell’arbitro Filippo Giaccaglia, a loro avviso di dichiarata fede juventina. Motivo dell’accusa: alcuni post sul profilo facebook dell’arbitro risalenti alla vittoria del primo scudetto bianconero con Conte nel 2012.

Meglio sottolineare la campagna di solidarietà della Fiorentina al fianco della cooperativa Artemisia e Toscana Aeroporti. Alia Guagni e Victor Hugo sono stati testimonial della campagna “#tudachepartestai, un no contro la violenza sulle donne”. Un invito ai tifosi viola ad abbandonare comportamenti e linguaggi violenti, che possono scatenare discriminazioni e violenze. Altre iniziative sono state già svolte e altre sono già state programmate per il futuro.

Molto bello anche il gesto del Viola Club Go Women’s, che in occasione di questa giornata, in collaborazione con l’associazione Controvento di Assisi, ha invitato a proprie spese un gruppo di donne, ragazze e bambini vittime di violenza ad assistere alla partita. Un’altra lodevole iniziativa dei supporter toscani.

Paolo Di Padua

Foto: Lisa Guglielmi