Sulle nuove maglie della Pink Bari firmate Kappa comparirà l’hashtag #weareinpuglia nell’ambito della collaborazione con ARET Pugliapromozione

Nella giornata di ieri si è svolta, nella sala stampa della Presidenza della Regione Puglia, alla presenza del Presidente Michele Emiliano, la presentazione della partnership tra la società di calcio femminile Pink Bari e ARET Pugliapromozione per la stagione sportiva 2018-2019.

Nel corso della conferenza stampa sono ostate presentate anche le nuove maglie da gioco con l’hashtag ufficiale di Pugliapromozione, #weareinpuglia, realizzate dallo sponsor tecnico Kappa.

“Dopo le soddisfazioni della scorsa stagione – dichiara la presidente della Pink, Alessandra Signorile – terminata con la salvezza della prima squadra e con lo storico scudetto conquistato dalla Primavera, siamo pronte a migliorare ancora e a tenere alto il vessillo della Puglia calcistica e sportiva in giro per l’Italia. Sentiamo il peso della responsabilità di essere l’unica realtà calcistica di serie A della città di Bari e della regione, ma accettiamo volentieri la sfida: siamo un club ambizioso, che non ha paura di investire sull’organizzazione e sul talento “made in Puglia”, nonostante la concorrenza agguerrita di tante società settentrionali.”

“La collaborazione con la Regione Puglia – conclude la Signorile -, che ha voluto renderci ambasciatrici delle bellezze e delle risorse del territorio pugliese, rappresenta uno stimolo in più per confermarci ai massimi livelli e per valorizzare le potenzialità dei tecnici e delle giovani giocatrici nostrane”.

A spiegare il senso della partnership, per Pugliapromozione, è Luca Scandale. “Il calcio femminile è in grande crescita ed è legato anche alla bellezza dello sport che ha dei valori etici importanti – dice -. Per la serie A del calcio femminile le Pink incontreranno tutte le maggiori squadre del campionato italiano e per questo abbiamo pensato di promuovere il marchio Puglia attraverso la brandizzazione delle magliette con l’hastag #weareinpuglia”.

Giuseppe Berardi