Giornata di presentazione per il Brescia, che in gran completo è apparsa per la prima volta davanti ai giornalisti nel mattino e ai tifosi in serata. E’ partito ufficialmente l’ “Anno Zero”, come è stata definita questa stagione dal Presidente Cesari e il Direttore Sportivo Peri. Tanti volti nuovi nel Palazzo della Loggia di Brescia, a cui è stato dato il benvenuto dal Primo Cittadino della città lombarda, Emilio Del Bono. Il Sindaco ha aperto le danze, ringraziando Cesari per “aver coltivato con determinazione il calcio femminile per anni e averne permesso il consolidamento, prima che le grandi squadre investissero.”. Ha poi sottolineato il rapporto città-società di Brescia “Il Brescia Calcio Femminile ha portato grandi soddisfazioni alla città, con una squadra blasonata che ha raggiunto grandi traguardi. Avete trasmesso passione, pulizia e determinazione, appassionando un pubblico ricco, non solo il classico tifoso di calcio, ma anche persone che si sono avvicinate a questo sport per la prima volta grazie a voi. Sarà un campionato faticoso, ma sicuramente con grandi soddisfazioni: il Brescia è la squadra da battere per la sua continuità!” 

Dopo le incoraggianti parole del Sindaco, Cesari ha espresso le sue sensazioni sul nuovo corso delle Leonesse: “Sarà l’ “Anno Zero” sia per la squadra che per lo staff, uno cambiato per volontà nostra l’altro meno. Nonostante ciò siamo riusciti ad allestire una squadra competitiva e cercheremo di raggiungere il massimo.“ Come spesso accade nelle sue interviste, il Presidente non ha dimenticato di trattare argomenti “scomodi” : “Mister Bertolini aveva in mano una Ferrari, come ho detto già più volte. Ora è diverso, siamo una Mercedes, ma comunque allenatore e giocatrici dovranno fare il massimo in tutte le partite per arrivare davanti” 

Cristian Peri, direttore sportivo e artefice del mercato bresciano, ha raccontato la particolare estate vissuta: “Dopo 12 anni di esperienza qui a Brescia, posso dire che lo scorso mese di Giugno è stato il più difficile. Dopo l’entrata nel movimento di una nuova squadra e le conseguenze del fatto , mi sono trovato a Luglio con molte proposte da parte degli agenti. Io e il Mister abbiamo lavorato tutto il mese per scegliere le giocatrici più adatte in base all’idea di gioco che lui vuole mettere in pratica. Oltre alle giocatrici estere di grande qualità, sono arrivate giovani di belle speranze come Bergamaschi e Giugliano. A Valentina (Bergamaschi, ndr) dissi tre anni fa che con noi avrebbe fatto come Bonansea, arrivata a Brescia a 20 anni e diventata tra le migliori giocatrici d’Italia. Spero e credo manterrà le mie aspettative. Non dimentichiamoci di Giacinti, che due anni fa vinse la classifica cannonieri e ha solo 23 anni. “ 

Prima di presentare la rosa, mister Piovani ha ribadito la sua soddisfazione nei confronti dell’atteggiamento mostrato dal gruppo in ritiro: “Confermo che mi sto innamorando di questa squadra per l’agonismo, la fame e la voglia. Sono delle lavoratrici, questo mese di allenamenti ci è servito per fare gruppo e lavorare sodo in vista dell’inizio della stagione. Sta a noi ora mostrare quanto fatto nei quattro impegni che contano davvero: Champions League, Coppa Italia, Campionato e Supercoppa”.

Chiamate una alla volta in ordine numerico, le Leonesse hanno risposto alle domande del Responsabile della Comunicazione Alessandro Massini Innocenti, tra risposte istituzionali e risate. Cristiana Girelli, nominata nuovo capitano, ha parlato dell’altro argomento di giornata, il libro “Il mio Brescia – 32 anni di successi ed emozioni sportive” di Artemio Scardicchio: “E’ un libro emozionante, difficile raccontare certi ricordi. Sono curiosa di leggere le storie delle mie compagne. Spero di trovarci tra 5/6 anni qua con un altro libro perché vuol dire che avremo raggiunto nuove vittorie.”

Artemio Scardicchio ha concluso il momento istituzionale presentando il suo libro, che trattare la storia del Brescia Calcio Femminile, legata al suo presidente Cesari: “Ho voluto raccontare il bel percorso intrapreso da Beppe e da Rosangela (Visentin, Vice Presidente), partito dai campi dell’oratorio. Contiene storie ed aneddoti divertenti, oltre che le emozioni delle ragazze e dello staff nel rivivere determinati momenti, in particolare la vittoria del primo Scudetto. Fa capire la mentalità della società, la sua meticolosità, qualità che si è vista nella ricostruzione di quest’estate. Credo possa terminare tra i primi due o tre posti della classifica. Mi auguro, come detto da Girelli, di trovarsi in futuro per un altro libro.” 

In serata, ottimo seguito alla presentazione della squadra ai tifosi presso l’Oratorio San Michele di Travagliato. Davanti allo sguardo attento di Milena Bertolini, in visita alla società in veste di Commisario Tecnico, le Leonesse hanno superato l’Inter per 5-0, vincendo il Trofeo Ostilio Mobili. In rete Sikora, Sabatino, Margi e Giacinti (doppietta).

Per acquistare il libro “Il mio Brescia – 32 anni di successi ed emozioni sportive”: http://www.lampidistampa.it/artemisio-domenico-scardicchio/il-mio-brescia/3875.html


Laura Brambilla