La FIGC ha pubblicato il “ReportCalcio”, lo studio sullo stato di salute del calcio italiano relativo alla stagione 2015-2016. Il Report analizza gli aspetti statistici, economici, mediatici e commerciali dell’attività calcistica a livello professionistico, dilettantistico e giovanile, anche per quanto riguarda le Nazionali Azzurre.

Nella stagione 2015-2016 sono state tesserate 22.877 calciatrici. Nessuna professionista, come (sfortunatamente) previsto dalla Legge sul Professionismo sportivo del 1981. Sono 14.051 le giocatrici partecipano all’attività dilettantistica (7.758 di Calcio a 11, 4.438 Calcio a 5, 1.855 attività mista C5/C11) e 8.826 al Settore Giovanile e Scolastico.

Le Rappresentative Nazionali femminili di calcio ad un 11 sono state 4: Nazionale A, Under 19, Under 17 e Under 16. Hanno disputato 43 partite, raggiungendo per 18 volte la vittoria (media dello 0,42%). Per quanto riguarda il Calcio a 5, la selezione Femminile è scesa in campo 4 volte (2V 1N 1P), mentre l’ Under 17 è stata sconfitta in tre gare su tre.

Per quanto riguarda i dati economici, i principali riguardano la ripartizione dei ricavi da diritti tv e la contribuzione fiscale. La parte di ricavi da diritti tv del 2016 concessa al calcio femminile e nazionali giovanili è stata di 0,8 milioni di euro, cioè il 3% del valore totale. La contribuzione fiscale totale (anno di imposta 2014) è stata di 0,7 milioni di euro (3%) per i campionati nazionali di calcio femminile e di 1,4 milioni (6%) da parte di altri campionati tra cui i tornei di calcio a 11 femminili non nazionali.

I dati riguardanti il calcio femminile non sono molti, aspettiamo i prossimi report per valutare più in profondità i cambiamenti nel movimento calcistico nazionale.
Categories: FIGC News Top Leagues

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *