In occasione del sorteggio per UEFA Women’s EURO 2013 tenutosi a Goteborg, Karen Espelund, membro del Comitato Esecutivo UEFA e presidentessa della Commissione Calcio Femminile UEFA, ha evidenziato gli ottimi risultati ottenuti nello sviluppo del calcio femminile nel mondo. “Stiamo facendo passi da gigante nella crescita del calcio femminile e delle sue competizioni negli ultimi anni in Europa”, ha detto la Espelund. “La scorsa stagione, ci siamo posti l’obiettivo di battere il record di spettatori alla finale della UEFA Women’s Champions League che era di 28.000 – ha aggiunto -. Alla fine lo abbiamo quasi raddoppiato con 50.000 spettatori alla finale di Monaco lo scorso maggio. La finale del 2013 a Stamford Bridge sarà un’altra gara storica per il calcio femminile a livello di club. Sei settimane dopo le attenzioni si sposteranno sulle nazionali e sulla Svezia, i tempi non potrebbero essere migliori per un torneo fantastico”. “Ecco perché il calcio femminile è così appagante – ha spiegato Espelund -. Partecipare ad eventi che battono record, cambiano la percezione della gente, aprono nuove porte e ispirano le nuove generazioni di ragazze. Ecco cos’è il calcio femminile e cosa significa far parte di UEFA Women’s EURO 2013. Si cerca di assicurare un ottimo futuro al calcio femminile in Europa. “Le squadre e le giocatrici avranno un ruolo determinante, servono modelli per le ragazze. Avranno bisogno del sostegno di sponsor e televisioni. Il calcio è lo sport di squadra più popolare per le ragazze in Europa ma a volte questo non si riflette sulla copertura TV e sull’interesse degli sponsor. Speriamo che il prossimo Europeo invertirà questa tendenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *