Primo Piano

Video

Approfondimenti

Serie A

Champions League

Nazionale

Interviste

Campionati Esteri

» » » » RoadToEuro2017: Italia, servono convinzione e precisione per sognare!

LA SQUADRA 
La spedizione Europea Azzurra partirà Lunerdì 19 Giugno con il ritiro di Coverciano, che terminerà Venerdì 30. L’elenco delle 23 giocatrici che viaggeranno in Olanda verrà ufficializzato il 5 Luglio. Cabrini dovrà escludere sette elementi rispetto alle 30 convocate per il raduno (di seguito elencate):

Portieri: Francesca Durante (Fiorentina), Laura Giuliani (Colonia), Chiara Marchitelli (Brescia), Katja Schroffenegger (Unterland Damen);
 Difensori: Elisa Bartoli (Fiorentina), Lisa Boattin (AGSM Verona), Sara Gama (Brescia), Elena Linari (Fiorentina), Federica Di Criscio (AGSM Verona), Cecilia Salvai (Brescia), Giorgia Spinelli (Inter Milano), Linda Tucceri Cimini (S. Zaccaria);
Centrocampisti: Daniela Stracchi (Mozzanica), Aurora Galli (AGSM Verona), Martina Rosucci (Brescia), Alia Guagni (Fiorentina), Barbara Bonansea (Brescia), Valentina Cernoia (Brescia), Marta Carissimi (Fiorentina) Manuela Giugliano (AGSM Verona), Tatiana Bonetti (Fiorentina), Sandy Iannella (Cuneo), Greta Adami (Fiorentina);
 Attaccanti: Melania Gabbiadini (Verona), Daniela Sabatino (Brescia), Ilaria Mauro (Fiorentina), Cristiana Girelli (Brescia), Valentina Giacinti (Mozzanica), Melania Martinovic (Res Roma), Laura Fusetti (Como 2000).

Cabrini valuterà le esclusioni durante la fase di ritiro. Sicuramente verrà escluso un portiere, mentre tra le giocatrici di movimento ci potrà esserci qualche sorpresa. Nel corso delle qualificazioni e del torneo di Manaus, il selezionatore ha alternato varie disposizioni, dal 1-4-4-2 al 1-4-3-3. Bartoli, Gama e Linari partiranno probabilmente titolari in difesa, mentre a centrocampo e in attacco sono disponibili varie soluzioni, sia dal punto di vista tattico che tecnico. Rispetto alle selezioni avversarie pagheremo probabilmente il divario fisico ed atletico, sarà importante mantenere una buona attitudine tattica e mentale per ridurre il gap.

LA STELLA 
La Nazionale azzurra presenta buone individualità che si sono messe bene in mostra durante lo scorso Campionato di Serie A e che dovranno dimostrare di essere decisive anche in campo Europeo. Non è facile individuare un’unica giocatrice rappresentativa e la vera “stella” della selezione guidata da Cabrini sarà molto probabilmente il reparto difensivo. Come è spesso accaduto nei tornei vinti dalla nazionale maschile, la forza trainante è venuta da dietro, grazie a individualità ben disposte in campo, formando una linea compatta e precisa nei movimenti. Ogni giocatrice porterà qualcosa di suo per alzare il livello del reparto, in particolare Gama e Linari, pilastri della difesa azzurra. Sara Gama sarà chiamata a guidare e sostenere le sue compagne più giovani, forte di esperienze internazionali che mancano a molte delle giocatrici. Elena Linari, nonostante i suoi ventitre anni, mostra sicurezza e carisma che saranno fondamentali nei momenti di difficoltà.

IL GIRONE & IL PRONOSTICO
 Il sorteggio di Nyon non è stato benevolo nei confronti delle Azzurre che dovranno affrontare due corazzate: la Germania, campione d’Europa in carica, e la Svezia, terza classificata ed Euro 2013. La terza avversaria è la Russia, sconfitta dall’Italia 3-0 al torneo di Manaus dello scorso Dicembre.
Il calendario delle azzurre:
Italia – Russia, 17 Luglio, ore 18, Rotterdam
Italia – Germania, 21 Luglio, ore 20.45, Tilburg
Italia – Svezia, 25 Luglio, ore 20.45, Doetinchen
La difficoltà del girone non consente alle Azzurre di partire “tranquille” per l’Olanda. Sarà fondamentale partire con il piede giusto, vincendo contro la Russia in maniera convincente. Contro la Germania e la Svezia sarà necessaria la massima convinzione e precisione tecnico-tattica per non subire la maggiore fisicità ed esperienza delle avversarie. A meno di risultati impronosticabili, l’ultima sfida contro la Svezia sarà decisiva. L’obiettivo è quello di raggiungere il terzo quarto di finale consecutivo nella competizione, anche se arrivare a Doetinchen con concrete possibilità di qualificarsi sarebbe un risultato positivo. In caso di qualificazione, sognare sarà lecito, nonostante avversarie più attrezzate.

«
Next
Post più recente
»
Previous
Post più vecchio

Nessun commento:

Leave a Reply